Rimessaggio invernale: pensavo fosse meglio fare così, invece…

1. MANUTENZIONE? TUTTO VA BENISSIMO…

Nell’ultimo week-end in cui ho usato la barca tutto funzionava a meraviglia, quest’anno risparmierò la manutenzione di fine anno (o di inizio stagione). Alzi la mano chi non è stato sfiorato da questo pensiero!

1. Manutenzione? Tutto benissimo

Una revisione generale conviene sempre darla in ogni caso, ma in particolare è bene andare a controllare le parti più soggette all’usura o a rovinarsi col freddo o l’inutilizzo durante la pausa invernale. Per esempio, trovarsi poi a inizio stagione con la girante della pompa dell’acqua bloccata e bruciare la guarnizione della testa (sperando di spegnere il motore prima che il danno sia ancora più grave) è uno dei reali rischi che si corrono.

 

2. IL RIMESSAGGIO IN CANTIERE È TROPPO CARO. LA BARCA LA METTO CON IL CAMPER

In effetti si spende meno: nelle periferie ci sono decine di capannoni (ma all’aperto si risparmia anche di più…) riciclati a parcheggio di auto, camper e roulotte. Tanto che differenza fa? Fino alla primavera la barca non mi serve di certo.

2. Rimessaggio in cantiere troppo caro

Il rischio è poi ritrovarsi al momento di rimettere la barca in acqua con la muffa su tutte le guarnizioni e gli arredi, sempre che prima non siano stati rosicchiati dai topi. E poi c’è il pericolo di qualche “toccata” che un maldestro camperista può aver dato allo scafo, perché loro anche d’inverno continuano a usare il camper e non tutti sono abili parcheggiatori. E poi quali sono le coperture assicurative in caso di furti?

 

3. ALLORA AFFITTO TUTTO IL CAPANNONE E SUBAPPALTO GLI SPAZI

Perché non cogliere l’occasione al volo e diventare imprenditore nautico: l’offerta di capannoni sfitti è alta, i prezzi sono stracciati, ci metto la mia barca e quella di qualche amico, recupero i soldi e magari anche qualche cosa di più per le prossime vacanze.

3. Affitto e subappalto un capannone

Sempre che durante l’inverno non sparisca qualche fuoribordo o le barche siano razziate (di certo per risparmiare, l’assicurazione non c’è e allora chi risponde dei furti?). Vi renderete presto conto che per fare l’imprenditore nautico non basta passione e un po’ di buona volontà, ma si devono avere conoscenze e competenze, in altre parole professionalità e soprattutto una struttura adeguata.

 

4. BARCA SPORCA? CHISSENEFREGA

Risparmiamo sulle pulizie, tanto a bordo ci siamo solo noi e la nostra famiglia e gli altri non ci fanno caso. Al massimo diamo una “passatina” prima di uscire la prossima volta.

4. Barca sporca? Chissenefrega

In realtà poi la “passatina” non si dà mai e la barca è sempre più sporca. Forse non avremo mai ospiti a bordo con cui vergognarsi, ma anche solo entrare e uscire dal porto non è così piacevole quando ci si deve confrontare con scafi immacolati e perfetti, magari anche di modelli meno performanti del nostro. Così, pure questo è un finto risparmio che si paga, perché la pulizia della barca non è solo questione di “bella figura”, ma è anche economica. Più la barca è sporca, più sarà difficile (e costerà) ripulirla. Inoltre perde valore molto più di una ben tenuta.

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2018 BoatMag. All Rights Reserved.