L’Absolute 58 Fly convince anche in condizioni meteo avverse. Ecco il test

Cielo incerto, vento, mare agitato. La classica situazione di fronte alla quale la stragrande maggioranza degli armatori (a ragione) se ne sta in porto. Io non posso farlo anche perché la voglia di provare l’Absolute 58 Fly è tanta e devo subito anticipare che ne vale la pena.

Una carena sempre
pronta e ben motorizzata
fa dell’Absolute 58 Fly
un’ottima compagna di crociera

Il modello in prova è motorizzato con i Volvo Penta IPS 800 da 600 cv, un’autentica garanzia, e non sorprende che non siano offerte alternative. Non sono quindi sorpreso quando la barca si mostra subito maneggevole e mette il driver subito a proprio agio. Le condizioni del mare sconsigliano manovre troppo violente, ma anche affrontando le onde in tutte le direzioni la carena è sempre pronta, con qualche impatto un po’ brusco solo negli incroci più complessi. La “compattezza” della risposta dell’intera struttura lascia intuire una costruzione solida e ben dimensionata, che non va però a limitare le prestazioni velocistiche, perché 30 nodi di velocità massima sono un bel traguardo. Forse la virata è piuttosto ampia considerando che gli IPS hanno abituato a raggi piuttosto stretti, ma è un peccato veniale, anche perché andrebbe rifatto il test in condizioni di mare più calmo.

Qualche ragionamento sui consumi è da fare. Tralasciando la velocità di punta, buona ma anche secondaria nell’impiego crocieristico dell’Absolute 58 Fly, è interessante notare tra i 20 e i 25 nodi, cioè a quella che possiamo individuare come la velocità di crociera, i consumi si attestano tra i 154 e i 185 litri/ora, ed è proprio a 25 nodi (e 2750 rpm) che la misurazione dei litri/miglio marino dà il dato più positivo: 7 l/m. La planata minima è invece tenuta a circa 12 nodi e 1900 giri, con un consumo di circa 100 l/h e però quasi 9 l/m, come dire meglio andare un po’ più spediti. E in questo (come in tanti altri momenti) l’Absolute 58 Fly sarà un compagno di crociera perfetto.

Un ottimo incontro fra prestazioni e lusso

La prova l’ho fatta in occasione dell’evento di debutto mondiale della barca organizzato dal cantiere. Che l’attesa per la presentazione del nuovo Absolute 58 Fly fosse alle stelle lo si poteva capire dal gran numero di giornalisti provenienti da tutta Europa che si sono dati appuntamento a Portopiccolo, a pochi chilometri da Trieste, per la presentazione. Ottima occasione per vedere da vicino questa barca dopo tanti rendering, belli finché si vuole, ma persino riduttivi rispetto alla prima sensazione che ho salendo a bordo.

Mi è già capitato con altri Absolute, ma la domanda che mi faccio ogni volta è: “come fanno gli Absolute a dare, fin dal primo impatto, questa sensazione di calore e al contempo di lusso?”. Attenzione, non lusso sfrenato, ma soluzioni che sanno coniugare gusto e praticità. Da questa considerazione si può facilmente capire come Absolute 58 Fly, segua la tradizione del cantiere e mi piaccia già al primo sguardo.

Absolute 58 Fly in pillole

Poco da aggiungere all’accurata descrizione che Claudio Russo ha fatto della barca (riportata qui sotto), semmai mi preme sottolineare alcuni particolari che denotano la cura di ogni dettaglio e poi, ovviamente, le prime sensazioni al timone.

  • Mi piace la cucina subito all’ingresso, baricentrica alla dinette in pozzetto che, ben protetta dal prolungamento del fly, è fruibile anche con meteo così così. Da notare il vetro scorrevole a scomparsa (quasi) che la divide dalla dinette del quadrato.

           

  • Tutto da ammirare il quadro elettrico che non fa nulla per nascondersi sotto il cristallo di protezione, come bella è la plancia, tutta allestita con display, rinunciando agli obsoleti orologi tondi. Comodissima la porta laterale per accedere direttamente al passavanti e correre a poppa ormeggiando con il terzo joystick in pozzetto.

          

  • Se il ponte principale conquista per la qualità dei materiali, il design e la loro lavorazione, quello inferiore non è da meno. Delle tre cabine, quella armatoriale piace per gli spazi, ma anche quella di prua conquista per la grande luminosità e il letto addossato a dritta. Spaziosa la cabina con i due letti singoli appaiati.

          

  • Gli spazi aperti non sono da meno: a prua divanetto più solarium sono accoglienti e, sul fly, il layout segue la tradizione con la possibilità in più di allestire lo spazio poppiero come meglio si crede.

          

Le misure

Le fotografie sono molto esplicative, ma qualche misura degli arredi e degli spazi è sempre utile per non farsi ingannare dai grandangoli troppo generosi. Eccole espresse in centimetri

Coperta

  • dinette pozzetto 290×120
  • solarium poppa 130/170×250 (ampliabile con una manovra abbastanza veloce)
  • passavanti 34
  • solarium prua 210×190
  • divanetto prua larghezza 310

Fly

  • dinette 270×180
  • plancia larghezza 130
  • solarium 260×200
  • dinette 270×180
  • spazio libero a poppa 340×170

Ponte principale

  • altezza quadrato 200
  • cucina 160×150 (+ frigorifero)
  • dinette quadrato 210×100
  • living 260×155
  • plancia larghezza 140

Ponte inferiore

  • Cabina armatore letto 200×165 h 200
  • Bagno 155×100 + box doccia 70×110
  • Cabina prua letto 190×140 h 195
  • Bagno 170×120 + box doccia 70×110
  • Cabina letti singoli 260×165 h 210
  • Bagno 165×100 + box doccia 80×90

L’Absolute 58 Fly e il test in cifre

  • Lunghezza ft …………………………… m 17,24
  • Larghezza ……………………………… m 4,80
  • Immersione …………………………… m 1,06
  • Motorizzazione ……………………… Volvo Penta IPS800 2×600 cv
  • Serbatoio carburante …………… l 2.000
  • Serbatoio acqua …………………… l 600
  • Cabine …………………………………… 3
  • Cabine equipaggio ………………… 1
  • Posti letto ……………………………… 6+1
  • Portata persone …………………… 14
  • Omologazione CE ………………… B

Prestazioni

  • 600 giri …………… 3,8 nodi ………… 6,0 l/h ……… 1,7 l/m ……… 59 db*
  • 1000 giri ………… 5,7 nodi ………… 14 l/h ………… 2,3 l/m ……… 61 db*
  • 1500 giri ………… 9,1 nodi ………… 45 l/h ………… 4,5 l/m ……… 61 db*
  • 2000 giri ………… 13 nodi ………… 107 l/h ………… 8,7 l/m ……… 63 db*
  • 2250 giri ………… 17 nodi ………… 130 l/h ………… 7,8 l/m ……… 64 db*
  • 2500 giri ………… 21 nodi ………… 154 l/h ………… 7,2 l/m ……… 66 db*
  • 2750 giri ………… 25 nodi ………… 185 l/h ………… 7,0 l/m ……… 68 db*
  • 2900 giri ………… 30 nodi ………… 210 l/h ………… 7,1 l/m ……… 72 db*
    *misurazione effettuata in quadrato con le porte chiuse

Condizioni della prova

  • Mare leggermente mosso, carena pulita, carburante 1600 l, acqua 180 l, equipaggio 10 persone

Prezzo (Iva esclusa)

  • Volvo Penta IPS800 2×600 cv ………………… 990.000 euro

 

L’Absolute 58 Fly ha fatto oggi il suo doppio debutto mondiale

Pubblicato il 13 maggio 2017

È stato presentato oggi al grande pubblico il nuovissimo Absolute 58 Fly in un’originale manifestazione che ha visto lo stesso evento di lancio in contemporanea ai due poli opposti della Terra: a Sistiana (Ts) presso Portopiccolo e a Hong Kong presso il Club Marina Cove di Sai Kung, entrambi andati in diretta fra le due location in un collegamento in streaming.

Una barca italiana appetibile in moltissimi mercati del mondo

Pubblicato l’11 maggio 2017

Il 13 e 14 maggio, dall’Asia all’Europa saranno due gli eventi dedicati alla presentazione dell’Absolute 58 Fly. Questo nuovo 17 metri va a inserirsi nella fascia di dimensione medio alta della gamma di imbarcazioni fly del cantiere, che attualmente si compone di nove modelli da 40 a 72 piedi.

Al di là delle dimensioni, sono tante le caratteristiche che fanno del nuovo Absolute 58 Fly una barca apprezzabile nei maggiori mercati del mondo, da quello europeo a quello americano e asiatico.

Non a caso, a tenere a battesimo questa nuova imbarcazione saranno due “Absolute Weekend” che si terranno in contemporanea: uno a Hong Kong (presso il Club Marina Cove di Sai Kung) e, avviso molto importante, l’altro in Italia a Sistiana (Ts) presso Portopiccolo sabato 13 e domenica 14 maggio, dove sarà pure possibile provarla previo appuntamento col cantiere. Entrambi gli eventi saranno collegati in una diretta live, che mostrerà l’inaugurazione dell’Absolute 58 Fly nei due continenti.

La presentazione in Italia è un segnale importante, che fa presagire un ritorno di verve nel nostro mercato. In ogni caso, questi sono solo i primi lanci, perché a seguire, naturalmente la barca calcherà anche le scene dei più importanti saloni internazionali d’autunno, a cominciare da quelli di Cannes e Ft. Lauderdale, dove sarà presentata come novità 2018.

Esclusiva tecnologia
costruttiva Iss,
motori Volvo Ips
di ultima generazione,
tre cabine con bagno
e tanti ambienti relax

Cominciamo allora a scoprire qui le caratteristiche del nuovo flybridge di casa Absolute a partire dall’esclusivo metodo di costruzione ISS (Integrated Structural Systen) con cui vengono prodotte le barche di ultima generazione del cantiere. In sostanza la struttura dell’opera viva è percorsa in tutto il suo baglio e in tutta la sua lunghezza da una griglia multi assiale di rinforzo, a cui vengono poi agganciati anche gli elementi di rinforzo delle paratie, dei pagliolati e dei cielini, che così vanno a formare uno scheletro monolitico e autoportante di tutta la barca. Il vantaggio è una maggiore solidità strutturale, che di conseguenza porta anche a un abbattimento delle vibrazioni e dei rumori, oltre a donare più longevità a tutto il prodotto.

Nuova la barca, nuovi anche i motori. Ed ecco che l’Absolute 58 Fly viene proposto con due Volvo Penta D8 da 600 cv con gli Ips 800, che la casa svedese ha immesso sul mercato a fine 2016. Sapremo dirvi le prestazioni a metà maggio quando avremo provato questa accoppiata, intanto il cantiere dichiara una velocità di crociera stimata in 26 nodi e una punta massima di 32. Ma oltre alle velocità, l’adozione dei motori Volvo Penta permette agli armatori di entrare anche nel mondo dell’Easy Boating, il concetto del  “navigare facile” che caratterizza tutti gli ultimi prodotti Volvo Penta, progettati per agevolare notevolmente la gestione della barca, sia in navigazione sia in porto.

A bordo dell’Asbolute 58 Fly

Osservando i layout di bordo si nota come il nuovo Absolute 58 Fly sia la barca della “comodità e della compagnia”, nel senso che sia sul flybrige (sopra) sia sul ponte principale (sotto) sono previsti numerosi divani, living o comunque luoghi in cui accomodarsi in tranquillità.
Partiamo dal flying bridge, dove un’ideale linea longitudinale tiene separati da un lato lo spazio per il timoniere e dall’altro quello per gli ospiti, ma che nelle realtà sono invece ben connessi fra di loro, perché sono tutti ben raccolti nella zona prodiera del ponte, lasciando ulteriore spazio libero a poppa da allestire a piacere con elementi amovibili.

Sul ponte principale il primo living lo troviamo in pozzetto, che è arredato con una dinette, integrata a poppa da un ulteriore divano rivolto verso la spiaggetta. Questo è il luogo ideale per stare all’aperto pur rimanendo sotto il riparo del fly che arriva fino allo specchio di poppa, dove è sostenuto da due pali che, passatemi una considerazione dal gusto del tutto personale, pur essendo solamente elementi strutturali, se fossero anch’essi oggetto di un intervento di design, potrebbero dare un tocco in più al look esterno della barca. Il relax a cielo aperto è invece possibile a prua, dove si trova praticamente “un’isola” prendisole coronata a prua da un divano a C.


             

Stessa concentrazione di aree living anche nel salone, dove troviamo la zona pranzo a poppa, composta da una dinette fronteggiata dalla cucina che si sviluppa su un mobile a L e che lascia ampio spazio di calpestio; pure per questo, risulta facilmente fruibile anche per i pranzi in pozzetto. In zona prodiera c’è un vero salone con due grandi divani; un vero salone, perché se, come immagino, la volumetria interna terrà fede ai progetti delle barche di Absolute, la profondità di quest’area sarà senz’altro notevole.

Prima di andare a vedere cosa c’è sottocoperta, diamo uno sguardo agli arredi che in tutti gli spazi interni sono caratterizzati da mobili in legno di rovere alternato nelle tonalità chiare e scure a seconda degli accostamenti cromatici con i rivestimenti di divani, cielini, testate dei letti ecc. che sono tutti in ecopelle.

Eccoci dunque sottocoperta in un layout da grande motoryacht. Complice anche la motorizzazione Ips che permette un arretramento totale dei motori a tutto guadagno di maggiori volumi abitativi a proravia, la compartimentazione del nuovo Absolute 58 Fly appare di ampio respiro.

Delle tre cabine, tutte con bagno privato, quella armatoriale è naturalmente la più ampia e occupa quasi il 50% della ripartizione degli spazi. La cabina con due letti gemelli in piano, che possono unirsi in un matrimoniale, non appare particolarmente compressa e, osservando anche la Vip al vertice di prua, si può notare come la furba disposizione del letto permetta di guadagnare ampio spazio calpestabile intorno al letto stesso.


.                                 

Il tutto a un prezzo di 990.000 euro, Iva esclusa.

Siete interessati a questa barca? Contattate il cantiere Absolute (tel. 0523 354011) per andare a visitarla a Portopiccolo, Sistiana (Ts), il 13 e 14 maggio e leggete la nostra prova, la cui pubblicazione è prevista subito a seguire queste date.

I primi numeri dell’Absolute 58 Fly

Caratteristica Valore
Lunghezza f.t. 17.24 m
Larghezza 4.80 m
Motorizzazione EB Volvo Ips 800 2×600 cv
Serbatoio carburante 2.000 l
Serbatoio acqua 600 l
Portata persone 14
Velocità di crociera prevista 26 nodi
Velocità massima prevista 32 nodi

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2017 BoatMag. All Rights Reserved.