XCAT Dubai, Al Wasl vince, Team Australia capotta, mondiale riaperto

Una gara perfetta porta Al Wasl alla vittoria nel XCAT Dubai Grand Prix. Team Australia capotta e ora la strada per il mondiale si fa difficile.

Un mese dopo la vittoria in Cina, a Xiamen, Arif al Zaffein e Nadir bin Hendi su Al Wasl tornano sul gradino più alto del podio nel XCAT Dubai, quarto appuntamento e sesta gara del mondiale UIM XCAT World Championship 2017. Una gara perfetta porta i campioni 2016 prima a inseguire Gary Ballough e Ahmed al Hameli su Victory 33, poi a superarli con la strategia dei long lap per chiudere i 15 giri totali con un vantaggio di sette secondi. Dietro di loro i riflettori erano puntati su Victory 3 di Salem al Adidi ed Eisa al Ali, secondi nel mondiale e comodi terzi in gara fino all’ultima curva. Cioè, fino a quando gli svedesi Erik Stark e Mikael Bengtsson di Swecat non li hanno sorpresi e passati a pochi metri dal traguardo, relegandoli al quarto posto.

 

Nelle posizioni di rincalzo, nonostante il mare quasi piatto, la gara ha visto diversi avvicendamenti, errori e penalità, con Serafino Barlesi e Alessandro Barone su Fujairah Team a chiudere quinti e primi fra gli italiani. Il sesto posto di Abu Dhabi invece significa fine dei sogni di gloria per il team, condannato dalla matematica a dimenticarsi ogni ambizione per il titolo mondiale.

XCAT Dubai, la sorpresa nella pole position

Ma la notizia più importante viene dalla pole position disputata al mattino, e cade come una scure su Team Australia leader del campionato. Brett Luhrmann e Pal Virik Nilsen, al momento di effettuare una virata sulla boa Charlie, improvvisamente si capottano per la rottura di un supporto motore che manda la barca fuori controllo. Nessuna conseguenza per i due piloti, ma pesanti ripercussioni per il mondiale 2017. Con la gara poche ore dopo e l’impossibilità di riparare il danno, gli australiani sono stati abili a sfruttare la possibilità concessa dal regolamento di effettuare un cambio barca una volta nella stagione. Trovato un accordo con Lady Spain, hanno quindi potuto salire sulla barca di quest’ultimo team: con appena il tempo di attaccare gli adesivi del loro numero di gara, anche se questo ha significato partire in ultima posizione e, soprattutto, trovarsi a pilotare un mezzo con un bilanciamento e un comportamento diversi e sconosciuti. Alla fine della giornata l’ottavo posto finale conquistato da Team Australia non è da buttare e anzi dà loro dieci punti importanti in campionato, ma significa perdere la leadership (di una lunghezza) e trovarsi a inseguire Victory 3 domani, per la gara finale e decisiva della stagione.

Arif al Zaffein è contento come poche volte per questa vittoria: “Abbiamo fatto una buona partenza, ma soprattutto abbiamo spinto al limite in ogni momento. La scelta dei long lap, insieme al nostro team manager via radio, ha fatto il resto. Ma niente sarebbe possibile senza mio “fratello” (Nadir bin Hendi). Non puoi dire Arif senza Nadir, e non puoi dire Nadir senza Arif”.
Adesso tutta l’attenzione sarà su Brett Luhrmann e Pal Virik Nilsen e Salem al Adidi e Eisa al Ali, con gli australiani dietro di un punto sugli emiratini, ma costretti a partire dall’ottavo posto e su una barca con cui non hanno confidenza. La battaglia per il titolo mondiale UIM XCAT 2017 è ancora aperta, fino all’ultima bandiera a scacchi.

Scopri cosa è successo nei tre appuntamenti in Cina: Round 1Round 2Round 3

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2017 BoatMag. All Rights Reserved.