Radicalità pura in pieno stile Roberto Cavalli per il nuovo 28 metri dello stilista toscano

Si chiama Freedom ed è costruito da CCN. È il nuovo yacht di Roberto Cavalli che sprigiona in tutti i suoi 28 metri la personalità graffiante dello stilista toscano. Freedom è un vero yacht custom con ambienti interni ed esterni ideati e realizzati in esclusiva e uno scafo super-performante come piace all’armatore.
Uno yacht che appena presentato a settembre è stato subito premiato, a Cannes, come il più avanguardista dell’anno. E non poteva essere diversamente

Cerri Cantieri Navali con Freedom ha varato il terzo esemplare della sua collezione Fuoriserie. Ossia quella degli yacht realizzati 100% custom. Il progetto per questo 28 metri è di Tommaso Spadolini che lo ha sviluppato lavorando in stretta sinergia con Roberto Cavalli, come era già accaduto per il precedente yacht, RC, dello stilista. Cavalli ci ha abituato da sempre, sia sulle passerelle sia in acqua, al suo stile eccentrico, fastoso, maestoso e chi più ne ha più ne metta.

RC ha fatto storia: 42 metri con la livrea cangiante e camaleontica (il colore varia in base a come viene colpito dalla luce) di cui se ne è parlato molto anche per i sontuosi party, iperaffollati di celebrities, che si sono svolti a bordo nei luoghi più esclusivi in assoluto.

Questa volta la barca l’ha voluta di ‘soli’ 28 metri. Non è uno yacht per feste e serate, ma una barca intima da vivere in coppia in vacanza

Inizialmente Cavalli voleva addirittura una sola cabina, la sua. Poi si è deciso ad averne due anche per gli ospiti.
Rimane comunque una barca unica, radicale, come solo lui sa essere.

Total black per gli esterni. Il look è raffinato e aggressivo e si ispira in parte ai motoscafi classici e in parte a barche alla “Batman”. A poppa i due archi che raccordano fly e ponte principale, oltre a fare da cornice al pozzetto, diventano un elemento visivo che caratterizza lo yacht.

Il pozzetto è estremamente basso sull’acqua. Così, vicino al mare, lo ha voluto Roberto Cavalli. E anche la zona living al coperto può affacciarsi interamente all’esterno grazie ai tre lati vetrati totalmente apribili. Ma una volta chiusi trasformano la sala in uno spazio interno con ogni comfort, aria condizionata compresa.

A Roberto Cavalli piace la velocità e ama timonare, spesso la barca la porta lui in prima persona. Così, insieme alla richiesta di avere uno stretto contatto con il mare, lo stilista ha voluto anche un mezzo molto performante. La risposta del cantiere è stata una dotazione di tre motori da 1900 cv accoppiati agli idrogetto Kamewa Rolls-Royce, per una velocità massima di 42 nodi.

I tre idrogetto hanno reso necessario lo spostamento a prua del garage per il tender, che è stato ricavato sotto la zona prendisole, che è anche dotata di un divanetto per due. Il tender è lungo 4 metri.

Decisamente “unusual” il layout interno di Freedom. Qui si capisce che la barca è un one-off al 100%. Punto nevralgico dello yacht è la cabina armatoriale a tutto baglio nella zona centrale del main deck.

La cabina armatoriale di Freedom è come una cabina di regia: da qui si accede direttamente sia al living-pozzetto sia alla scala che conduce al fly. Dalla porta più a prua, invece, pochi scalini e si arriva alla timoneria, che a sua volta è collegata anche con la zona equipaggio.

Cabina vista mare e vista cielo. Sul letto il lucernario tondo, decorato con lo stemma Roberto Cavalli, e quattro grandi finestre apribili ai lati.

Sul lower deck, la cucina è enorme con un angolo informale per le colazioni e gli spuntini dell’armatore. Sì, perché Cavalli ama cucinare e non vuole decisamente sentirsi stretto.

In tutta la barca una serie di pannelli retroilluminati a parete con gigantografie di foto da tutto il mondo. Sono scatti di Roberto Cavalli che il mondo lo ha girato in lungo e in largo.

Il decor è tutto made by Roberto Cavalli, che ha selezionato tessuti e finiture, oltre a mobili e accessori. La sua firma è inconfondibile con statue, dettagli dorati e i motivi animalier.

.

I numeri di Freedom

Caratteristica Valore

Lunghezza fuoritutto 28.00 m
Lunghezza al galleggiamento 21.50 m
Larghezza 7.10 m
Immersione 1.35 mt
Dislocamento a mezzo carico 75.000 kg ca.
Serbatoio carburante 14.000 l
Serbatoio acqua 2.000 l
Motori EB idrogetto 3×1900 cv Man
Velocità di crociera 35 nodi
Velocità massima 40 nodi
Classe di Certificazione categoria A


CCN è specializzato in imbarcazioni plananti performanti in vetroresina con lunghezze tra gli 86’ e 102’. Ma alla linea Flyingsport affianca la serie di Expedition boat in acciaio e alluminio denominata Phileas e firmata dallo Studio Vallicelli e una produzione di piccoli megayacht, dai 24m a 35m, a firma dello Studio Spadolini, sempre in acciaio e alluminio. Nuove linee sono, inoltre, quelle che portano la firma di Bacigalupo (Lysithea50) e Stefano Vafiadis (DOM 123). Con la collezione  Fuoriserie il cantiere carrarino si concentra sul prodotti custom.

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2019 BoatMag. All Rights Reserved.