Varato il Perini Eco Tender, il primo motoryacht a marchio Perini Navi

Il Perini Eco Tender è anche il primo scafo a motore planante del cantiere: un “mini superyacht” realizzato per rispondere alle richieste degli armatori Perini Navi.

Il progetto del Perini Eco Tender 25 m nasce dal desiderio degli armatori di avere un’estensione della loro barca a vela. Gli armatori sono molto soddisfatti del loro 52 metri a vela Perini Navi, ma le loro esigenze si erano evolute nel corso degli anni e ciò che desideravano non era una barca più grande, ma spazi più flessibili per singoli ospiti o bambini. Inoltre, quando erano in rada, desideravano un mezzo più comodo di un normale gommone per esplorare le zone sottocosta. La risposta è stata un’imbarcazione con le stesse linee eleganti, la qualità e il comfort della nave madre, che potesse offrire ulteriore spazio in cabina e che fosse anche indipendente.

Perini Eco Tender, propulsione ibrida a quattro modalità

Le innovazioni iniziano dal sofisticato sistema di propulsione ibrida, sviluppato da Siemens, che offre quattro modalità operative per consentire la massima flessibilità.
Modalità diesel: due motori diesel MAN (2×1213 kW) alimentano due idrogetti Hamilton per una velocità massima superiore a 30 nodi.
Modalità ibrida: un motore aziona l’idrogetto e funge anche da generatore, alimentando il motore elettrico che aziona l’altro idrogetto.
Modalità diesel-elettrica: un generatore da 130 kW fornisce elettricità ai due motori elettrici per azionare gli idrogetti.
Modalità zero emissioni: per manovre o piccoli tragitti privi di emissioni e di rumore, un gruppo di batterie alimenta entrambi gli idrogetti tramite i motori elettrici, per velocità di 8 nodi e una durata di circa un’ora. Così il tender potrà navigare a bassa velocità in parchi marini o in aree riservate, senza emissioni né rumore. Tuttavia, su richiesta degli armatori, è stata riservata particolare attenzione alla riduzione del rumore in tutte le modalità di propulsione: i livelli di rumore stabiliti dal contratto sono inferiori ai 55 dB.

Sul Perini Eco Tender sono particolarmente evoluti anche i sistemi di navigazione e comunicazione con l’I-Bridge Multitouch di Team Italia che rappresenta una novità assoluta per uno yacht di queste dimensioni. Tutti a bordo, anche la propulsione ibrida, si possono gestire mediante touchscreen ad alta risoluzione, trackball e jogger. I monitor si sollevano a diverse altezze, in modalità cruscotto o carteggio/navigazione, e offrono anche una funzione di realtà aumentata che sovrappone immagini video ai dati di navigazione. Inoltre, l’Anchor Watching System (AWS- Sistema di controllo all’ancora) visualizza e controlla tutti i sistemi necessari per monitorare la barca quando è all’ancora. Di fatto, fornisce immagini a 360° attorno alla barca e monitora il traffico marino grazie a sistemi radar, termocamera o un proiettore di ricerca. Può essere inoltre programmato per emettere un allarme di avvicinamento. Dotato di doppio sistema VSAT per la connessione Internet e di tre telefoni Iridium, Perini Eco Tender è in grado di restare connesso alla barca madre ad oltre 100 Mbps anche a decine di miglia di distanza.

Perini Eco Tender, la cura nel design

Gli armatori hanno inoltre richiesto che gli ospiti potessero salire e sbarcare dal tender in modo comodo e sicuro dal ponte della barca madre. Il ponte principale, della stessa altezza della barca madre, permette agli ospiti di passare direttamente da una barca all’altra. Le innovazioni proseguono con il layout degli esterni e con il comfort offerto sul ponte principale. Oltre al comodo pozzetto di poppa, attrezzato con sedute lounge, spazi prendisole e una spiaggetta di poppa, è stata predisposta nel ponte di prua una spaziosa dinette. Gli interni, anch’essi disegnati in-house, sono in teak spazzolato combinato con laccati bianchi e presentano una dinette-salotto e una cucina completa sul ponte principale. Sottocoperta, è stata prevista una suite vip a tutto baglio, una doppia cabina a prua e una terza cabina con letti gemelli, tutte con bagno privato. Davanti alla paratia della sala macchine è stata predisposta la cabina dell’equipaggio, con accesso indipendente.

Perini Eco Tender e il suo sofisticato sistema di propulsione saranno sottoposti a test completi e collaudi in mare prima della consegna all’armatore, prevista nel mese di aprile.

25 metri bastano come barca d’appoggio per un 50 metri? Per Perini sì.
Ecco l’Eco Tender 25 m

Pubblicato il 10 gennaio 2018

Perini Navi è artefice di alcuni fra i più famosi motorsailer al mondo. Yacht eleganti e maestosi, (quasi) tutti dallo scafo blu, in cui il piacere del navigare a vela si combina alla comodità di un megayacht a motore. Ma questa volta il passo del costruttore di Viareggio è stato inedito: Perini Eco Tender 25 m è infatti un progetto completamente a motore, nato per essere la barca di appoggio di una nave a vela da 50 metri. Di un armatore Perini, naturalmente.

Il Cantiere ha già una divisione che costruisce motoryacht, con il marchio Picchiotti, ma questa barca a motore si fregia proprio del brand Perini Navi,  uno dei più ambiti nel mondo della vela. E già le linee la rendono inconfondibile: scafo blu scuro e sovrastruttura bianca, profilo basso e allungato, linea di galleggiamento rossa in evidenza, vetratura di prua avvolgente.

Anche la coperta è molto simile a quella di una barca a vela: completamente rivestita in teak, è allineata alla falchetta e priva di protezioni. L’area di prua è allestita con un pozzetto simile a un ponte portoghese, con passaggio centrale e due divani ai lati. La comodità di spostamento, data l’assenza di passavanti protetti, è garantita dall’apertura centrale nel parabrezza.

A poppa si evidenzia un altro forte richiamo alle sorelle a vela ed è nel lungo “cappello” esteso dalla tuga che protegge il pozzetto, con le sue evidenti funzioni pratiche ed estetiche.

Nato dalla richiesta dell’armatore
di un Perini 50 metri,

è progettato per essere
utilizzato come barca
d’appoggio

La chase boat, o barca d’appoggio, è una sorta di tender che però non viene imbarcato e naviga autonomamente e con un equipaggio proprio. È appunto questo il caso dell’Eco Tender 25 m e il suo armatore l’ha voluto con spazi più flessibili per gli ospiti e per i bambini.

Gli interni non sono ancora visibili, tuttavia il cantiere spiega che avranno un arredamento contemporaneo in linea con la nave madre. Non mancheranno due droni a bordo in grado di andare in avanscoperta.

Progettato completamente in-house, Perini Eco Tender 25 m sorprende anche sotto l’aspetto tecnico, con costruzione in alluminio e un sofisticato sistema di propulsione ibrida flessibile.

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2019 BoatMag. All Rights Reserved.