Bollino Blu anche per il 2015 e con delle novità

Il Bollino Blu, da applicare ben visibile sulla barca, certifica che su quella unità è già stato effettuato un controllo da parte dell’autorità preposta, la quale ne ha riscontrato la regolarità in tema di sicurezza e documentazione e che, dunque, non deve essere più sottoposta a nuovi accertamenti da altri corpi di polizia.

Istituito nel 2012, il Bollino Blu ha validità annuale e ogni anno viene aggiornata la normativa che lo regolamenta, in modo da razionalizzare sempre di più l’attività dei controlli in mare, che negli ultimi anni aveva preso una piega da “caccia alle streghe” che, di fatto, ha disincentivato la passione dell’andar per mare.

La nuova Direttiva è stata appena presentata presso il Comando Generale delle Capitanerie di Porto, e la novità prevede il rilascio del Bollino Blu anche per i laghi maggiori d’Italia e con un’estensione della sua applicazione anche alle unità in uso noleggio e locazione, che fino a oggi erano escluse.

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, quindi, ha già inviato a tutti i corpi di polizia operanti in mare la nuova Direttiva per il rilascio del Bollino Blu, che consolida il coordinamento fra tutte le autorità per evitare in modo assoluto l’accavallarsi dei controlli sulle stesse unità in navigazione.

Angrisano e Delrio
L’Ammiraglio Ispettore Capo della Guardia Costiera, Felicio Angrisano,
e il Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio

Un’attività di coordinamento sempre più mirata, dunque incisiva, come si nota dalla dichiarazione del ministro Delrio: “I controlli devono essere prevalentemente e prioritariamente svolti con la finalità di prevenire e reprimere comportamenti che possano mettere in pericolo la vita umana in mare”.

È vero che poi capita che anche le migliori intenzioni vadano a scontrarsi con i problemi della realtà e non sempre questa ne beneficia. Fra le sue tante attività, non ultima quella di sensibilizzare il legislatore alla promulgazione del Bollino Blu, l’Ucina Confindustria Nautica ha monitorato l’attività di coordinamento dei controlli durante la scorsa stagione, registrando un dimezzamento del fenomeno della reiterazione dei controlli sulle stesse unità, ma non ancora un’uniformità nell’applicazione della Direttiva sul Bollino Blu, segnalando alle autorità competenti i fenomeni apparsi al di fuori della media.

Ricordiamo che, nell’eventualità di un controllo, se l’esito è positivo, gli agenti rilasciano un verbale e lo sticker da applicare ben visibile sulla barca, che per il 2015 riporta anche il richiamo ai 150 anni delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera. E se volete evitare proprio il fastidio di essere fermati in mare, potete richiedere voi il controllo per ottenere il Bollino Blu che vi farà navigare in pace.

L’Ammiraglio Ispettore Capo, Felicio Angrisano, Comandante Generale delle Capitanerie di Porto, è stato il primo a motivare i suoi uffici e a dare piena attuazione alle indicazioni del Ministro. Stesso entusiasmo lo dimostra il presidente dell’Ucina, Carla Demaria:

Carla Demaria 2

“Ancora una volta, per questa ulteriore dimostrazione di attenzione alla nautica, manifesto il sentito ringraziamento di noi tutti al Ministro, che spero di incontrare presto, e a tutti i corpi di mare. Sono convinta che una nuova consapevolezza sul valore dell’indotto turistico della nautica da diporto vedrà tutti gli operatori agire con la massima attenzione”.

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2022 BoatMag. All Rights Reserved.