Kalashnikov-nautica

Kalashnikov pensa alla nautica, da diporto?

Kalashnikov, l’azienda famosa per i suoi micidiali fucili d’assalto AK-47, sta pensando di diversificare la produzione con droni e barche.

Un nuovo costruttore di barche? Pare proprio di sì. Kalashnikov Concern, il famoso costruttore di fucili d’assalto, su tutti l’intramontabile AK-47, per voce del CEO Aleksey Krivoruchko ha presentato il piano strategico per il prossimo quinquennio (un’eredità del periodo sovietico?) con l’annuncio dell’acquisto di Zala Aero, società che realizza droni di sorveglianza e da combattimento, e di Euroyachting Rybinskaya Shipyard Group, un cantiere che produce prevalentemente imbarcazioni di alluminio per scopi militari ma anche per il diporto.

Kalashnikov-nautica

Che ne dite di un motoryacht Kalashnikov?

In ambito nautico, con l’acquisizione del cantiere Euroyachting Rybinskaya si prevede di sviluppare e produrre mezzi da sbarco, pattugliamento antipirateria e antiterrorismo, ma anche per il soccorso e il diporto, senza trascurare anche attività di service e refitting. Il primo passo sarà, pare, sostituire il brand attuale Rybinskaya Verf con quello corporate, certamente più evocativo. Ve lo immaginate un programma del tipo: “nel weekend ci prendiamo il Kalashnikov e facciamo un giro all’Elba…”

Kalashnikov-nautica

Ma chi era Kalashnikov?

Morto a 94 anni nel 2013, Michail Kalashnikov ha sempre detto che avrebbe preferito inventare un tagliaerba, perché non ha mai guadagnato molto grazie al suo fucile e ha vissuto con una magra pensione. Non gli mancava però lo spirito imprenditoriale e nel 2014 ha persino lanciato una sua vodka, ovviamente marchiata Kalashnikov e con la bottiglia a forma di fucile, che viene ancora distillata a San Pietroburgo ed è promossa così: “la Kalashnikov Vodka è fatta con il grano coltivato in Russia e con l’acqua del Lago Ladoga a Nord di San Pietroburgo. Si beve meglio in compagnia di amici e belle ragazze”… magari navigando al largo dell’Elba con un Kalashnikov.

Kalashnikov-nautica

Nato in Siberia, Michail Kalashnikov nell’ottobre del 1941, fu gravemente ferito in combattimento e cominciò a creare il suo primo progetto in ospedale e poi entrò a far parte dell’Istituto Aeronautico di Mosca. Negli anni fu promosso al ruolo di capo ingegnere e nel 1947 progettò il mitico AK-47 (abbreviazione di “Avtomat Kalanikova obrazca 1947 goda). Fu insignito per ben due volte del titolo di Eroe del Lavoro Socialista, nel 1998 fu invece premiato con il titolo di cavaliere dell’Ordine di Sant’Andrea, il più alto titolo della Federazione Russa guadagnandosi così la pensione.

 

Manchette-Newsletter-BoatMag

Notizie correlate

Commenti chiusi

Copyrıght 2018 BoatMag. All Rights Reserved.