Suzuki Diagnostic System Mobile, tutto in una App

Suzuki Diagnostic System Mobile è il nuovo sistema diagnostico che mette in contatto diretto ciascun fuoribordo col suo proprietario e la propria officina.

Forse parlare di un fuoribordo “parlante” è un po’ troppo, ma non siamo troppo distanti. La tecnologia sta modificando le macchine e il loro rapporto con gli uomini e il nuovo sistema Suzuki Diagnostic System Mobile ne è un classico esempio. In pratica, un’interfaccia fra la storia e la vita del motore, l’utente e soprattutto il centro di assistenza, che dell’unità deve conoscere veramente tutto per poter eventualmente intervenire e mantenerla in piena efficienza.

Suzuki Diagnostic System Mobile, un nuovo “rapporto

Nel passato, il rapporto “fuoribordo-driver-officina” era legato alla percezione e interpretazione sensoriale di “segnali” del motore: rumore, fumosità o la presenza o meno del getto dell’acqua di raffreddamento. Poi, comparvero i primi strumenti analogici, quindi spie luminose e i cicalini, ma tutto con una precisione abbastanza empirica e non sufficiente a offrire un servizio di diagnostica. Più recentemente, grazie all’avvento dell’elettronica, sono arrivati gli strumenti digitali, veri e propri sistemi di monitoraggio sempre più affidabili e efficienti, che hanno elevato gli standard in termini di informazioni, precisione e attendibilità. Dalle centraline si è riusciti a ottenere informazioni complete e precise. Purtroppo, anche in questo caso, per ottenere dati diagnostici si doveva portare il motore in officina, oppure era il tecnico a recarsi alla barca, anche solo per il semplice monitoraggio, cioè per scaricare i dati dalla centralina del motore.

Acquisire tutte le informazioni
sul motore semplicemente
inquadrando e memorizzando
un QR Code

In Suzuki lavorano sempre con l’obiettivo di semplificare la vita ai propri clienti e quindi la difficoltà di avere i dati è stata affrontata e risolta con una soluzione ingegnosa e al contempo semplice e all’avanguardia: la creazione di una “applicazione diagnostica”. Il Suzuki Diagnostic System Mobile si basa su un’applicazione gratuita (disponibile per apparati iOS, quindi Apple, e a breve anche per device Android) grazie alla quale l’utente può acquisire tutte le informazioni sul motore semplicemente inquadrando e memorizzando un codice QR (Quick Response Code). Il codice a barre bidimensionale viene generato dalla stessa centralina elettronica del motore, che lo invia al display multifunzione MFG, di cui dispongono tutti i motori fuoribordo Suzuki, dal DF9.9B al DF350A.

All’utente basterà avviare l’applicazione sullo smartphone, inquadrare il codice QR sul display, memorizzarlo sul proprio telefono come immagine e allegare la stessa a una mail da inviare alla propria officina di fiducia. Grazie al QR code, il servizio di assistenza otterrà le informazioni salienti che riguardano il fuoribordo: modello, anno di costruzione e numero di matricola. Ma anche quelli “storici” riguardanti il suo funzionamento: ore di moto e a quanti giri/min, eventuali anomalie registrate, il tempo intercorso dall’ultimo cambio d’olio ecc.
Facile quindi capire perché il Suzuki Diagnostic System Mobile segni un importante passo nell’efficacia con la quale il costruttore giapponese e la propria rete di assistenza riusciranno a essere presenti al fianco dei loro clienti. Con l’utilizzo dell’applicazione, i tecnici Suzuki verranno informati in tempo reale sullo stato di ogni singolo fuoribordo, riducendo ulteriormente i tempi di un eventuale intervento e rendendo lo stesso ancora più efficace.

Suzuki Diagnostic System Mobile si inserisce in una serie di iniziative “Customer Care” tutte mirate a mettere il cliente al “centro”, così che percepisca la vicinanza della casa giapponese durante l’utilizzo del proprio fuoribordo. Ricordiamo “My Suzuki”, ovvero l’area privata, all’interno del portale marine.suzuki.it, riservata ai possessori di motori Suzuki, dove è possibile consultare in tempo reale le informazioni e la storia del proprio motore, l’agenda online e alcuni documenti scaricabili, come il certificato di garanzia. Un servizio che avvalora la capillarità della rete dei Concessionari e dei centri d’assistenza Suzuki, presenti in tutta Italia, in grado di intervenire sul motore in modo professionale, utilizzando solo ricambi originali Suzuki, realizzati con i massimi standard qualitativi che contraddistinguono la propria gamma.

Scopri il nuovo “maxi” Suzuki DF350A

Manchette-Newsletter-BoatMag

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2022 BoatMag. All Rights Reserved.