Il Gruppo Ferretti chiude il 2017 in crescita. Ecco le cifre e in anteprima i nuovi modelli 2018

Il 2017 per il Gruppo Ferretti si è chiuso con un utile netto di 24 milioni di euro (+71% rispetto al 2016) e un valore della produzione di 623 milioni di euro (+10,8% sul 2016).  

Sono questi i dati presentati dall’amministratore delegato del gruppo industriale, l’avvocato Alberto Galassi (nella foto sotto), nella conferenza stampa che si è tenuta a Milano presso il Garage Italia, dove è stata anche inaugurata la lounge Riva Privée arredata nell’inconfondibile stile Riva.

Se il 2016 ha segnato il primo esercizio in utile dal 2008, passando da -29 milioni di euro a +14,1 milioni di euro, il 2017 riconferma la solidità del Gruppo, con il Pat (Profit After Taxes) pari a 24 milioni di euro e una crescita del 71%.

Il Gruppo Ferretti ha come azionisti il gruppo cinese Weichai e l’ingegner Piero Ferrari, i quali hanno preso la decisione di reinvestire interamente i 24 milioni di utili in attività di ricerca e sviluppo sui nuovi modelli (ne sono previsti otto per il 2018 ripartiti fra i brand Ferretti Yachts, Pershing, Riva e Custom Line), che si aggiungeranno ai 30 sviluppati negli ultimi anni. In crescita anche la capacità produttiva dei sei cantieri del Gruppo, così come la forza lavoro, a dimostrazione che la nautica, se gestita al meglio, crea importanti opportunità di lavoro anche in Italia.

Grazie agli investimenti già stanziati, a quelli in programma nel corso dell’anno e a una flotta sempre più ampia e variegata, il Gruppo Ferretti punta a crescere ancora, con percentuali sempre più alte, creando così una solida base per lo sviluppo del prossimo piano industriale, che presenteranno al Cannes Yachting Festival, a settembre di quest’anno.

Il piano triennale 2015-2018 ha visto uno stanziamento di 90,8 milioni di euro per nuovi investimenti in ricerca e sviluppo nuovi prodotti, per un totale di 30 nuovi modelli, di cui 8 solo nel 2018.

Le previsioni del 2018 e l’anteprima dei nuovi modelli

Ma come si prevede la chiusura del 2018? Con un valore della produzione pari a 704 milioni di euro. Ed è in corso anche un progetto che vede l’assunzione di 80 nuove persone da distribuire in tutti i siti produttivi dislocati fra la Lombardia, la Liguria, l’Emilia Romagna e le Marche, in particolare in quest’ultima regione è prevista una maggior concentrazione nel cantiere di Ancona, che è dedicato alle costruzioni delle grandi imbarcazioni in acciaio e alluminio a marchio CRN, Riva, Pershing, e in  vetroresina a marchio Custom Line.

Sul fronte dei nuovi modelli ecco le prime immagini delle imbarcazioni che saranno varate quest’anno:


Ferretti Yachts 670


Pershing 140


Riva Ribelle 66


Riva 90


Riva 110 Dolcevita


Custom Line Navetta 42 e Navetta 37


Custom Line Navetta 106


Custom Line Navetta 120

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2018 BoatMag. All Rights Reserved.