Arriva il Volvo Penta Self-Docking: fra poco non dovremo neanche più manovrare per l’attracco

L’obiettivo del sistema Volvo Penta Self-Docking è di rendere più semplice una delle manovre che danno difficoltà a molti: l’attracco. Una soluzione innovativa destinata al debutto nel 2020. Ma noi vi proponiamo già il video del primo test.

La tappa di Göteborg della Volvo Ocean Race è stata la scena per la presentazione di un sistema piuttosto innovativo nel panorama nautico: la tecnologia di attracco automatico Volvo Penta Self-Docking. In una dimostrazione dal vivo, uno yacht Azimut di 68 piedi dotato della tecnologia si è ormeggiato da solo nello stretto spazio tra due barche da regata VOR 65.
La presentazione della tecnologia self-docking si inquadra nel più ampio programma “Easy Boating” di Volvo Penta, che mira a rendere l’andar per barca semplice, divertente e accessibile a più persone. La reattività del sistema Volvo Penta Ips, insieme ai sensori e alla potenza di elaborazione delle centraline di bordo, contribuirà non solo a far entrare lo yacht nel suo posto barca, ma anche a uscirne in sicurezza e in modo automatizzato.

L’obiettivo iniziale saranno
gli armatori che possono
installare il sistema
sui propri moli privati

I prototipi di Volvo Penta self-docking sono attualmente sottoposti alle prove di sviluppo, e ci vorrà ancora oltre un anno per vedere la prima applicazione concreta. La capacità di attraccare in autonomia si affida al sistema di controllo elettronico dell’imbarcazione (EVC) integrato, che calcola gli input e i movimenti in relazione alla posizione effettiva dell’imbarcazione e a quattro sensori situati a terra, sulla posizione di attracco prevista.

Come funziona

Il processo si svolge in tre fasi distinte. In primis, quando la barca si avvicina al suo posto di ormeggio, il sistema riconosce che è entrato in una ‘catch zone’ (non di pesca naturalmente…ma di cattura del segnale) e invia un avvertimento al comandante che è pronto ad attraccare. Una volta che quest’ultimo ha attivato la funzione di auto-attracco, l’imbarcazione viene automaticamente spostata in una posizione ‘docking ready’ con l’aiuto del GPS. Infine, quando il comandante avvia la fase finale, il sistema utilizza una combinazione di GPS e sensori, sia quelli a bordo che quelli a terra, per spostare la barca automaticamente e in sicurezza.
I sensori a terra aiutano a guidare lo yacht con precisione nel proprio posto barca.

Un’altra importante caratteristica del sistema, soprattutto pensando alla futura possibilità di diffusione, è che è prevista anche una versione retrofit, in modo da rendere possibile l’upgrade al Volvo Penta self-docking a migliaia di proprietari di barche.

L’obiettivo iniziale saranno gli armatori che possono installare il sistema sui propri moli privati. A lungo termine, la tecnologia potrebbe essere di notevole interesse per i porti turistici, consentendo alle imbarcazioni dotate di IPS ed equipaggiate con il sistema di attraccare in sicurezza e precisione. Un ulteriore scenario futuro per il sistema è l’integrazione con l’applicazione Easy Connect di Volvo Penta: l’app potrebbe consentire agli utenti di verificare se la marina più vicina è dotata della tecnologia di attracco o addirittura si potrebbe usarla per prenotare un posto barca.

Sensore a terra

Resta comunque da tenere sempre a mente che il sistema self-docking di Volvo Penta non è progettato per essere completamente autonomo. Seppure dotato di sensori perimetrali aggiuntivi che con allarme anti-collisione ed evitamento degli ostacoli, il comandante deve rimanere al timone durante tutto il processo di attracco, pronto ad intervenire se necessario.

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2018 BoatMag. All Rights Reserved.