Italian Propellers: un anno da ricordare

Il 2018 resterà ben segnato nella storia di Italian Propellers: il nuovo stabilimento e ulteriori evoluzioni nella tecnologia progettuale e costruttiva di eliche, timoni e trasmissioni hanno segnato un importante salto qualitativo e operativo per l’azienda bergamasca.

Chi, come la redazione di BoatMag, ha seguito negli ultimi anni l’evoluzione di Italian Propellers non può che sottolineare lo sviluppo continuo che l’azienda bergamasca ha messo in atto negli ultimi anni. Claudio e Marco Belotti, i fratelli autori di questo autentico esempio di eccellenza italiana, pur nella diversità dei loro caratteri, si amalgamano perfettamente per raggiungere un unico obiettivo: la crescita di Italian Propellers. Il più esuberante Claudio, vanta una eccellente competenza tecnica e, proprio grazie a questa, segue maggiormente la parte commerciale, che negli ultimi tempi si sta sempre di più allargando anche ai mercati internazionali. Invece Marco, attorniato dai monitor dei suoi computer, è interamente dedicato alla parte progettuale.

Italian Propellers, tradizione e innovazione

Abbiamo già avuto modo di raccontare la storia di Italian Propellers, nata su iniziativa di Celestino Belotti, il padre di Claudio e Marco. Rileggerla serve però a comprendere meglio quanta passione e tradizione ci sono in questa azienda che ha lasciato l’ambito artigianale per diventare un’impresa industriale, pur senza dimenticare la capacità di adattarsi alle esigenze di ogni singolo cliente, sia che si tratti di un grande cantiere come di un singolo armatore. Italian Propellers ha sempre la risposta giusta per tutte le esigenze.

Come nasce un’elica con la stampante 3D lo abbiamo spiegato in un precedente articolo, così come abbiamo avuto l’occasione di seguire, dalla progettazione alla costruzione, la realizzazione di un grande timone per uno yacht dislocante di 42 metri. Mentre nel nuovo stabilimento di Telgate, sempre in provincia di Bergamo, trovano spazio sempre più macchine a controllo numerico, i grandi spazi e la manodopera specializzata consentono di tornire i lunghi assi delle trasmissioni con una precisione millesimale.

Tutto questo è oggi Italian Propellers e scorrere gli articoli come riguardare le gallery fotografiche curate da Sergio Airoldi è l’occasione per conoscere ancora meglio questa importante realtà della Nautica, quella con la N maiuscola, italiana.

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2018 BoatMag. All Rights Reserved.