Le novità Suzuki a Genova: il palcoscenico del nautico per nuovi motori e altro

Tutto ma proprio tutto sulle novità portate da Suzuki a Genova. Ci sono i nuovi fuoribordo Suzuki DF150A e DF175A e una nuova generazione di display touch. Ma ci sono anche i nuovi Suzukino e le eliche Watergrip.

Il costruttore giapponese ha deciso di utilizzare la rassegna ligure, dal 20 al 25 settembre 2018, per portare al debutto mondiale i due fuoribordo DF150A e il DF175A, unità che vanno a sostituire i precedenti modelli, rispetto ai quali segnano un aumento della coppia fino al 3,1% e una riduzione dei consumi fino al 14%. Ma Suzuki a Genova ha portato anche i nuovi Multifuction Display Suzuki MFD, i nuovi Suzukino e le eliche Watergrip. Tantissimo da leggere, quindi non perdiamoci in chiacchiere e vediamo tutto in dettaglio.

Suzuki DF150A e DF175A

-progettati in linea con il payoff Suzuki, “The ultimate 4-stroke Outboard”, i due nuovi modelli sono sviluppati sulla stessa base tecnica del conosciuto Suzuki DF200A, il 200 cv con il miglior rapporto peso/potenza oggi sul mercato. Da esso ereditano sia l’architettura, che è a quattro cilindri in linea disposti in verticale, e la cilindrata di 2.867 centimetri cubi. Un particolare tecnico, quello della grande cubatura dell’unità termica, che oltre a identificarli concettualmente come fuoribordo “Big Block”, nella pratica significa più coppia anche ai bassi regimi, grazie anche all’elevato rapporto di compressione del motore, di 10,2:1.

Nel dettaglio i nuovi Suzuki DF150A e DF175A hanno l’albero di trasmissione disassato poiché l’unità termica è spostata verso prua, per muovere il baricentro del motore in avanti. Con questa soluzione si generano minori vibrazioni e si ottengono fuoribordo più compatti: per fare ciò l’albero di trasmissione è stato scomposto in due parti distinte. Un primo stadio di riduzione, posto tra l’albero a gomiti e l’albero motore, è pari a 30:36=1.20, mentre un secondo stadio è svolto all’interno della scatola degli ingranaggi del cambio, 12:25=2.08, all’interno del piede del fuoribordo: tale riduzione a doppio stadio porta il valore complessivo di coppia disponibile all’elica a 2.50:1. In questo modo il propulsore può montare un’elica di grande diametro, quindi dal regresso ridotto.

Per ottenere fluidità nella spinta a partire dal regime minimo di 700 giri fino alla massima potenza erogata, i propulsori dei DF150A e DF175A sono anche dotati di tecnologia Variabile Valve Timing Timing (VVT, la distribuzione a variazione continua delle valvole d’aspirazione) utilizzata per variare la tempistica dell’alzata delle valvole di aspirazione, consentendo di anticiparne l’apertura prima che le valvole di scarico siano completamente chiuse. In questo modo si crea un momento di sovrapposizione delle fasi di aspirazione e scarico, in cui entrambi i set di valvole restano aperti. Con il VVT tale momento può essere aumentato o diminuito in base al regime di rotazione dell’unità termica, modificando il tempo di aspirazione e creando così un timing ottimale lungo tutto l’arco di utilizzazione.

Come tutti i grandi fuoribordo del costruttore giapponese, i nuovi Suzuki DF150A e DF175A adottano il Lean Burn System, il sistema a combustione magra che varia il rapporto stechiometrico (aria / benzina) adattandolo in tempo reale alle condizioni di utilizzo del fuoribordo. I benefici maggiori si hanno quando s’imposta una velocità di crociera costante, condizione in cui viene progressivamente ridotta la quantità di combustibile, la benzina, aumentando la percentuale d’aria cioè dell’ossigeno, il comburente, in esso contenuta.

Per proteggere il motore dall’eventuale
presenza di acqua nel carburante,
i DF150A e DF175A offrono il Suzuki
Water Detection System

Una ulteriore ottimizzazione del sistema avviene attraverso uno specifico sensore di ossigeno che provvede a misurare in tempo reale la quantità di ossigeno presente nell’aria aspirata, per permettere all’impianto di fornire sempre la giusta miscelazione.

Per proteggere il motore dall’eventuale presenza di acqua nel carburante, rilevandola già nel filtro benzina e segnalandola a chi è al timone con allarmi visivi e sonori, i DF150A e DF175A offrono il Suzuki Water Detection System: grazie a esso i motori vengono protetti dagli effetti di una eventuale combustione povera, con conseguente perdita di potenza, e soprattutto dalla corrosione.

Infine, come tutta la gamma di fuoribordo Suzuki, anche i DF150A e DF175A sono protetti dal sistema di finitura Suzuki Anti-Corrosion System, con tutte le parti in alluminio rivestite da più strati di vernice alternati da primer epossidico e resina acrilica.

Nuovi schermi

Anteprima mondiale anche per i Multifuction Display Suzuki MFD. Possono essere collegati attraverso una black box a strumenti di navigazione come autopilota, radar e plotter cartografico, ma anche al trasduttore del fish finder.

                           

Inoltre, attraverso lo schermo touch il pilota può ottenere in maniera intuitiva e semplice ed efficace tutte le informazioni sul funzionamento dei fuoribordo: regime, temperatura d’esercizio, pressione olio, angolo di trim, riserva carburante. I nuovi Suzuki MFD sono disponibili in quattro misure: 7 pollici, 9 pollici, 12 pollici e 16 pollici, tutti “wide” e ad alta risoluzione con tecnologia antiriflesso.

Suzukino

Arriva sul mercato una nuova gamma di tender Suzukino, composta da sette modelli dei quali quattro realizzati in partnership con SurMarine e tre con Geniuss, cantieri che vantano uno specifico know-how nella produzione di tender di lusso. I Suzukino sono battelli pneumatici progettati sulla base di linee d’acqua efficienti, compresi fra 2,65 e i 3,70 metri di lunghezza. Tender tecnologici a partire dalla loro carena in vetroresina, proprio come quella dei grandi RIB, e dunque in grado di fornire ottime performance sia in termini di tenuta di mare, sia velocistiche, mantenendo la stabilità superiore tipica dei gommoni.

Suzukino by Geniuss

La forte caratterizzazione di questi Suzukino, un vero e proprio marchio di fabbrica del costruttore, sta nel sistema brevettato di ancoraggio del fuoribordo, fissato su un supporto scorrevole e basculante. Ribaltandosi e scorrendo verso prua assieme al motore, il fuoribordo in posizione di riposo viene completamente ricoverato all’interno del battello. Ciò favorisce lo stivaggio del tender a bordo degli yacht anche quando il loro garage ha un volume ridotto: per questo, a parità di spazio disponibile nel garage, l’armatore può scegliere di imbarcare un tender di maggiori dimensioni.


Oltre alla facilità di stivaggio ne deriva anche la rapidità nel rimettere in mare il tender, perché non c’è più bisogno di smontare il fuoribordo ogni volta che si rimessa il tender.
I Suzukino by Geniuss sono proposti in tre modelli. Due di essi, il Suzukino 250 e il 285, hanno un allestimento Open cioè con interni sgombri, mentre il Suzukino 290 Duetto ha un layout caratterizzato dalla presenza di un cassero di guida con timone a ruota e monoleva per i comandi del motore, servito da un divanetto ribaltabile, accogliente per due persone.

  • Suzukino 250 Open: Lunghezza m 2,49 – Larghezza m 1,63 – Peso kg 47 – Portata 3 persone – Potenza massima installabile 8HP
  • Suzukino 285 Open: Lunghezza m 2,85 – Larghezza m 1,63 – Peso kg 68 – Portata 4 persone – Potenza massima installabile 15HP
  • Suzukino 290 Duetto: Lunghezza m 2,92 – Larghezza m 1,60 – Peso kg 105 – Portata 4 persone – Potenza massima installabile 20HP

Suzukino by SurMarine

I quattro modelli Suzukino sviluppati in collaborazione con SurMarine sono definiti luxury tender grazie ad un allestimento accurato e finiture di pregio. Non perdono la peculiarità di essere pratici e versatili e soprattutto leggeri, nonostante un allestimento ricco: ciò grazie al sistema di costruzione utilizzato, denominato “double shell”, dove carena e calpestio sono realizzati in due resistenti scocche in vetroresina, rese solidali fra loro senza l’utilizzo di ulteriori parti.
I Suzukino by SurMarine riescono a sfruttare pienamente la potenza del fuoribordo installato, anche in condizioni di massimo carico, grazie al particolare design delle linee d’acqua realizzate con flap integrati: vere e proprie estensioni di carena che ne aumentano la lunghezza, favorendo l’entrata in planata e il suo mantenimento anche a velocità ridotta.


I tender della gamma Suzukino by SurMarine sono tutti dotati di console di guida con timone a ruota e monoleva per i comandi del motore, con gavoni ricavati sia all’estrema prua, sotto sia sotto al divano che si trova a poppa, dove può essere alloggiato il serbatoio del carburante.

  • Suzukino ST290: Lunghezza m 2,95 – Larghezza m 1,63 – Peso kg 76 – Portata 4+1 persone – Potenza massima installabile 20HP
  • Suzukino ST310: Lunghezza m 3,10 – Larghezza m 1,70 – Peso kg 94 – Portata 5 persone – Potenza massima installabile 20HP
  • Suzukino ST330: Lunghezza m 3,26 – Larghezza m 1,70 – Peso kg 98 – Portata 5 persone – Potenza massima installabile 25HP
  • Suzukino ST370: Lunghezza m 3,70 – Larghezza m 1,77 – Peso kg 145 – Portata 6 persone – Potenza massima installabile 40HP

Eliche Watergrip

Ultima novità portata da Suzuki a Genova è un tipo nuovo di elica. Per migliorare le performance dei propri fuoribordo, Suzuki ha lanciato una nuova generazione di eliche denominate “Watergrip”, in acciaio, per tutti i motori Suzuki compresi fra i 150 e i 300 cv.
La genesi di queste eliche fa parte di un processo di ricerca e sviluppo per abbinarsi e sfruttare al meglio le caratteristiche del recente DF350A, il Suzuki più potente mai realizzato. Da lì sono state studiate nuove forme per le pale, ed è stato introdotto un nuovo tipo di boccola con silent block intercambiabile senza dover ricorrere all’uso di attrezzi speciali. Un dettaglio che è stato progettato per impedire lo slittamento dell’elica, anche in condizioni di utilizzo estreme in termini di carico.

Fra le numerose innovazioni che il DF350 ha portato al debutto c’è anche il Dual Prop System, il sistema di propulsione a doppia elica controrotante: Suzuki ha quindi progettato le Watergrip Dual, sempre disponibili presso la rete ufficiale Suzuki.
Al momento sono disponibili le eliche Watergrip con diametro da 16”. Le eliche Watergrip con diametro da 14” e da 15”, invece, saranno disponibili a partire da dicembre 2018.

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2018 BoatMag. All Rights Reserved.