Strand Yachts Aurora Borealis 122 è l’ultima frontiera dell’explorer yacht

Il famoso designer nautico Kurt Strand ha immaginato un explorer yacht “definitivo”: Aurora Borealis 122 è ispirato dalla natura ed è capace di navigare nei mari di tutto il pianeta.

L’ispirazione per il concept Aurora Borealis 122 è stata la natura: in particolare le avverse condizioni climatiche della Norvegia del nord, la zona dove il designer Kurt Strand è nato e cresciuto. Lo scopo di Aurora Borealis 122 è di godersi gli angoli più remoti dei cinque (anzi: sette) Continenti, dagli spazi comodi e lussuosi di un megayacht.

Non solo freddo

E non parliamo soltanto di ghiacci, nonostante i rendering mostrino esclusivamente questi paesaggi. Perché, secondo quanto dichiarato da Strand, quando il meteo lo consente Aurora Borealis 122 si trasforma in una totale esperienza all’aperto. A questo scopo, sono previsti balconi richiudibili e ampie porte, che rendono il megayacht adatto a esplorare e godersi i luoghi più belli dai circoli polari ai tropici.

Aurora Borealis 122 ha sei ponti, per una lunghezza di 122 metri e un baglio di 20. Un helipad si trova sul ponte di poppa, presso una piscina con fondo retrattile in vetro che serve anche per spostare l’elicottero all’interno dell’hangar (che può ospitarne addirittura due).


L’area denominata Aviation Club, con banco bar e una zona per il varo dei tender, è sempre parte dell’hangar. In caso di maltempo il grande portello può essere chiuso, ma resta l’accesso alla zona piscina attraverso due porte a pantografo integrate nel portello stesso.


Sulle murate del ponte inferiore si trovano quattro ulteriori portelli con apertura verso l’esterno, per alaggio e varo di tender e water-toys. A poppa c’è anche un’area interna per attraccare con un sommergibile o un tender fino a 45 piedi. Insomma, tutto quello che serve per gettare l’ancora e uscire per esplorare i dintorni.


L’armatore di Aurora Borealis 122 potrà godersi una vista a 180 gradi dal suo appartamento, disposto su 400 metri quadrati e dotato di Jacuzzi esterna, terrazza prendisole, palestra, spa, ufficio, biblioteca, cantinetta.
Otto suite da 100 metri quadri ciascuna danno ospitalità a 20 ospiti, anche se i regolamenti internazionali per i superyacht suggerirebbero di limitare questo numero a 10 nel caso in cui Aurora Borealis raggiungesse la fase di costruzione.

Aurora Borealis 122 è ancora più interessante nel comparto tecnico:
è infatti spinta da tre pod elettrici
azimutali a cui la cui energia è
generata da fuel cell a idrogeno

Il progetto prevede ancora una sala cinema, un salone di bellezza con spa e palestra, e persino un simulatore per esercitarsi nello sci (se non vi è chiaro questo video lo spiega meglio delle parole). Sul ponte inferiore ci sono 48 (si, quarantotto…) cabine per l’equipaggio, naturalmente con anche una zona living dedicata.

Aurora Borealis 122 è ancora più interessante nel comparto tecnico: è infatti spinta da tre pod elettrici azimutali la cui energia propulsiva proviene da fuel cell a idrogeno. Non manca un set di generatori diesel come backup. La tecnologia a idrogeno è utilizzata ancora in via sperimentale nel settore automotive, ma l’intenzione di Kurt Strand è di portarla ad un livello ulteriore utilizzandola nella nautica, perché la sua convinzione è che possa essere di beneficio per tutto il pianeta. E noi non possiamo che essere d’accordo, purché l’idrogeno, che non si trova puro in natura, sia estratto e stoccato usando solo energie rinnovabili.


Se il concept di Aurora Borealis 122 dovesse diventare realtà, dunque, molto probabilmente ci troveremmo di fronte all’explorer yacht definitivo.

I numeri di Aurora Borealis 122

  • Lunghezza f.t. …………… 122 m (400ft)
  • Baglio …………… 20 m (65ft 6in)
  • Pescaggio …………… 5.3 m (17ft 4in)
  • Velocità massima …………… 20 kn
  • Ospiti …………… 20
  • Equipaggio …………… 48
  • Propulsione …………… 3x azipod elettrici
  • Generatori …………… fuel cell a idrogeno, diesel
  • Autonomia …………… 8000 Nm
  • Costruzione …………… acciaio (carena), alluminio (sovrastruttura)

Vi proponiamo un altro concept di megayacht fatto per esplorare il mondo: stupitevi!

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2019 BoatMag. All Rights Reserved.