Lomac Adrenalina 8.5 con gli Evinrude G2, per chi ama le emozioni forti

La serie Adrenalina è stata progettata per gli amanti della sportività e delle corse sull’acqua. Il Lomac Adrenalina 8.5 è la versione intermedia e con gli Evinrude G2…

Con una gamma tra le più ricche (quasi 60 modelli per otto serie), sia in fatto di misure che di soluzioni d’impiego, Lomac ha creato una serie destinata a chi sull’acqua vuole correre sfruttando al massimo le prestazioni dei motori.

Così il nome Adrenalina è il risultato di quelle emozioni che si possono provare in acqua, ma non solo, in quanto esprime la voglia d’innovazione di questo cantiere che ha esordito nel settore dei battelli pneumatici grazie alla famiglia Lo Manto nei lontani anni Sessanta.

La carena del Lomac Adrenalina 8.5 è costruita con il sistema twinshell mentre i tubolari seguono linee di taglio classico, con diametro di 58 centimetri e cinque compartimenti stagni.

Ampia la possibilità di personalizzazione, con ben dodici colorazioni diverse, che miscelano le tonalità dai tubolari alle strutture in vetroresina, e ricco è pure il pacchetto di optional per allestirlo al meglio.

Lomac Adrenalina 8.5, il test

Il Lomac Adrenalina 8.5 lo abbiamo provato a Genova durante il Salone Nautico e a poppa montava la massima potenza di omologazione (450 cv) in soluzione bimotore: più precisamente una coppia di Evinrude G2 HO (la versione più esuberante in fatto di potenza erogata) da 225 cavalli l’uno.

Le eliche erano a quattro pale con passo 20”, forse montate ipotizzando carichi importanti durante i test, che però non ci hanno consentito di superare i 5.500 giri con i trim al 20%.

Il cantiere consiglia però potenze lievemente inferiori, come per esempio un monomotore da 350 cavalli o una coppia di 200 cavalli, e il perché è facile intuirlo durante il test.

Il mare è lievemente formato e a bordo, oltre alle due persone di equipaggio, imbarchiamo il pieno di carburante e le dotazioni di bordo. La brillantezza dei motori trova un partner ideale nella carena: il Lomac Adrenalina 8.5 è in grado di assumere un assetto planato in soli 2 secondi e di mantenerlo fino a un regime minimo di 2.000 giri a 14,8 nodi. La ruota di prua è avanzata e ogni piano di scivolamento presenta tre pattini per lato che percorrono tutta la lunghezza dell’opera viva, cui si aggiunge anche l’operatività del ginocchio, vivo e particolarmente utile nelle accostate, che affronteremo anche a 38 nodi con una buona padronanza e gestibilità.

Da ricordare che si tratta di un modello sportivo, la cui conduzione, soprattutto con un bel po’ di cavalli sullo specchio poppiero, richiede esperienza, anche se il battello aiuta garantendo pronte risposte ai comandi del timone.

Con il Lomac Adrenalina 8.5 abbiamo toccato a 5.500 giri, e sfruttando solo al 20% i trim, una velocità di 54 nodi, ma il dato importante è che a 4.000 giri, quindi con i motori per nulla sotto stress, si naviga già a 38 nodi.

Purtroppo non erano disponibili i consumi ma, conoscendo la tipologia dei motori, siamo certi possano dare ottime soddisfazioni anche al portafoglio.

La V di prua garantisce morbidi passaggi sull’onda affrontata in modo diretto, mentre i tubolari, che a poppa sono sollevati dall’acqua, riducono gli attriti e in velocità il controllo è affidato unicamente al pilota, pronti però a entrare in servizio al minimo accenno di virata o per stabilizzare dopo il passaggio sull’onda.

La disposizione del volante e delle manette del gas consentono un brandeggio corretto, mentre il parabrezza protegge bene dal vento. Non abbiamo rilevato spruzzi a bordo nonostante una guida un po’ esuberante, il che è un plus significativo.

                 

Lomac Adrenalina 8.5, a bordo

Come già detto si tratta di un modello sportivo che bada al sodo, ma che non tralascia il comfort per gli ospiti che, ricordiamo, possono arrivare a 16 persone.

Così a prua troviamo il tradizionale prendisole semipermanente che occupa quasi tutto lo spazio disponibile, ricavato sopra a tre gavoni (uno trapezoidale anteriore e due laterali).

Lo definisco semipermanente perché il piano centrale è asportabile o impiegabile in alternativa come tavolo prodiero fruendo del supporto di un classico stelo allungabile.

                 

In contrapposizione a quest’area, c’è quella poppiera, dietro il blocco seduta, con un divano disposto per baglio che s’interrompe nella parte sinistra, a poppavia, per consentire un più facile accesso alle plancette poppiere e ai motori.

Tuttavia il divano sfrutta parzialmente anche le due fiancate a loro volta arricchite di schienali, il che incrementa di almeno due posti lo spazio di seduta a bordo del Lomac Adrenalina 8.5.

Sotto ai cuscini si apre la cala dei servizi, con il passaggio delle tubazioni e di parte dell’impiantistica di bordo. Il vano è dotato di illuminazione interna e il coperchio di pistoni a gas per rendere più agevole la sua apertura.

  

Altra seduta è fronte consolle con un divanetto semicircolare, la cui forma è più estetica che funzionale. Sollevandolo si ha accesso diretto all’interno della struttura, dove è fornito di serie un wc chimico, sostituibile con uno elettrico come optional.

La plancia è ovviamente sportiva in linea con il layout del Lomac Adrenalina 8.5, con il parabrezza inclinato verso poppa, un piano superiore per antenne e bussola e due inclinati per i monitor degli apparati di navigazione, motori, interruttori stagni, stereo, VHF, ruota di governo e manette, oltre a maniglioni in acciaio cui tenersi.

Più in basso la console assume una curvatura per lasciare spazio alle gambe del pilota, che dispone posteriormente di un supporto lombare per la guida in piedi o, in alternativa, di una seduta superiore con uno schienale renale.

Ribaltando in avanti la seduta si accede a un’area sfruttabile per un blocco cucina, con di serie un frigorifero di 50 litri oltre a un secondo tavolino integrato (tipo aereo) in teak sollevabile che va a servire gli ospiti del divano.

Le plancette di poppa sono svasate per consentire la miglior rotazione dei motori e una di esse ospita anche la scaletta bagno. Infine, a prua, il barbotin del verricello elettrico trova posto all’interno del cassero in vetroresina sul quale ci sono bitte a scomparsa e una pedanina in teak.

I numeri del Lomac Adrenalina 8.5

  • Lunghezza ft …………………………… m 8,49
  • Lunghezza interna ………………… m 6,85
  • Larghezza ft …………………………… m 2,96
  • Larghezza interna …………………… m 1,76
  • Dislocamento senza motore …… kg 1.750
  • Diametro tubolari …………………… m 0,85
  • Compartimenti stagni ……………… 5
  • Serbatoio carburante ……………… l 310
  • Serbatoio acqua ……………………… l 80
  • Motorizzazione max ………………… 2 x 225 cv
  • Motorizzazione consigliata ……… 1 x 350 cv o 2 x
  • Portata persone ……………………… 16
  • Omologazione CE …………………… C

Prestazioni

  • 1.000 giri …………… 5,5 nodi
  • 1.500 giri …………… 7,3 nodi
  • 2.000 giri …………… 14,8 nodi
  • 2.500 giri …………… 21,5 nodi
  • 3.000 giri …………… 26 nodi
  • 3.500 giri …………… 31 nodi
  • 4.000 giri …………… 38 nodi
  • 4.500 giri …………… 42 nodi
  • 5.000 giri …………… 48,5 nodi
  • 5.300 giri …………… 51,3 nodi
  • 5.500 giri …………… 54 nodi

Condizioni della prova

  • Mare lievemente formato, carena pulita, carburante 300 l, equipaggio 2 persone

Prezzi

  • Lomac Adrenalina 8.5 solo scafo ……………… 78.500 euro (Iva esclusa)
  • Evinrude G2 225 HO ………………………………… 21.949 (Iva inclusa)

Clicca ed entra nel sito ufficiale di Lomac


Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2021 BoatMag. All Rights Reserved.