Ancora un varo e una consegna per Benetti Yachts: il Cantiere viareggino è a tutto vapore

In poco più di una settimana Benetti Yachts ha segnato due volte sette. Il 16 aprile a Viareggio ha toccato l’acqua il settimo esemplare di Fast 140, mentre otto giorni dopo è stato consegnato il settimo Fast 125.

Non abbiamo ancora appoggiato la penna (o spento lo schermo) dagli articoli sulla Benetti Giga Season, che dalla sede di Viareggio di Benetti Yachts arrivano ancora notizie. In questo caso sono un varo e una consegna, per due esemplari appartenenti alla categoria Class. Il primo, codice BF207, è un Fast 140, che il 16 aprile scorso ha avuto il battesimo nella sede versiliana del Cantiere, mentre il 24 aprile è toccato a un Fast 125, codice BF107, di essere consegnato al proprio cliente. I modelli Fast sono dotati della cosiddetta carena D2P – Displacement to Planing, e vantano esterni di Stefano Righini e interni progettati dello studio inglese RWD.

Benetti Fast 140 BF207

E’ la settima unità di questo modello, uno yacht di 42 metri che può ospitare 12 persone in sei cabine su quattro ponti. Tratti distintivi del BF207 sono le prestazioni, le linee filanti di Righini e la personalità del design degli interni, in questo caso arredati secondo lo stile chiamato Land: insieme a Sea e Air, completa la proposta dello studio inglese RWD che Benetti mette a disposizione degli armatori di Fast 125 e Fast 140. La carena D2P e la doppia motorizzazione MTU da 3500 cavalli consentono di superare i 20 nodi di massima.

Con il varo di uno yacht di 107 metri inizia la Benetti Giga Season

Prosegue la Benetti Giga Season con la fase due, ma non solo

Il main deck di BF207 è sempre affacciato sul mare grazie alle vetrate del salone e della suite a tutto baglio. L’upper deck accoglie una zona relax esterna di poppa con sedute modulari: attraverso una porta scorrevole si accede a un luminoso salone composto da zona living e american bar. A prua, la cabina del comandante è adiacente alla postazione di comando, che si affaccia sugli esterni con prendisole e piscina. Il sun deck è dedicato al massimo relax, con grandi divani, un angolo bar e prendisole per godere del panorama all’ancora e in navigazione.

Benetti Fast 140

Quattro cabine nel lower deck sono dedicate agli ospiti, mentre a poppa dello stesso ponte il beach club offre un bar e una zona living al livello dell’acqua. L’autonomia a una velocità di 16,5 nodi è di 500 miglia nautiche, che salgono a 1.800 a 12. La massima velocità dichiarata è di circa 23 nodi.

Benetti Fast 125 BF107

Anche in questo caso è la settima unità della sua specie, che in questo caso è la Class di 38 metri. Come i primi sei yacht suoi fratelli, anche BF107 è dotato del sistema di propulsione AZP C65 realizzato in collaborazione con Rolls Royce. Una scelta che ha comportato una riduzione nei valori di rumorosità e vibrazioni uniti a un miglioramento della capacità di manovra.

La nuova carena di Benetti e gli Azipull di Rolls Royce alzano il comfort in navigazione

Benetti Fast 125 Skyler

Anche qui, la carena D2P (Displacement to Planing) di Benetti Yachts, progettata da Pierluigi Ausonio con il Centro R&D del gruppo, unisce i vantaggi di uno scafo dislocante a basse velocità con quelli di uno scafo planante ai regimi superiori, garantendo consumi ridotti.

Benetti FB275: la Giga Season Benetti abbatte il “muro” dei 100 metri

Non è solo Benetti Giga Season: ancora vari per il Cantiere italiano

Il Fast 125 si articola su quattro ponti con cinque cabine: una suite armatoriale, due matrimoniali e due con letti gemelli, mentre la zona equipaggio può ospitare fino a sette persone.

Le linee esterne dal taglio sportivo sono, come noto, dovute alla mano di Stefano Righini, che ha scelto finestrature orizzontali per esaltare le linee slanciate dello yacht. Per gli interni, caratterizzati dall’uso del legno eucalipto sbiancato e del Tay scuro, lo stile scelto è denominato Air.

Benetti Fast 125 Charade

Rispetto alle altre sei unità, questo progetto si distingue per il layout esterno del sun deck: sul BF107 c’è un bar nella zona di prua, una zona living con divano e tavolini da fumo nella parte centrale e un’area dining con tavolo da 10 posti e un divano a L, mentre la zona di poppa ospita quattro chaise longue. Sia sul ponte principale che su quello superiore i tavoli esterni sono dotati di un meccanismo che permette di spostarli e quindi di utilizzare gli spazi in modi diversi a seconda delle esigenze degli ospiti.

In sala macchine ci sono due MTU da 2.600 cavalli che spingono questo Fast 125 a 22 nodi di massima. La carena D2P di Benetti yachts conferma la propria efficienza nel dato dell’autonomia, che raggiunge le 1.750 miglia nautiche a 12 nodi.

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2019 BoatMag. All Rights Reserved.