Fiart Seawalker 43 l’open mediterraneo in chiave super tender

Otto anni dopo il Seawalker 33 nasce il Fiart Seawalker 43 con lo stesso concetto di “super tender”. L’arrivo di questo nuovo modello, il cui lancio ufficiale è previsto a settembre, coincide con il sessantesimo anniversario del cantiere napoletano.

Sarà in acqua a luglio e presentato al pubblico a settembre al Cannes Yachting Festival. Il nuovo Fiart Seawalker 43 è la trasposizione verso i 14 metri del Seawalker 33, un open presentato nel 2012 con un progetto inedito, caratterizzato dalla coperta grande e sgombra e con un layout di tipo walkaround in grado di nascondere anche una cabina ben abitabile.

Sessant’anni e centocinquanta modelli dopo

Il Seawalker 43 è lungo 13,84 metri per 3,99 di baglio, su uno scafo progettato ad hoc da Fiart Mare. Alle spalle ci sono 60 anni di storia dell’azienda, anni durante i quali sono stati concepiti e realizzati oltre 150 modelli diversi, fra express cruiser e coupé innovativi, che si sono moltiplicati in un’enorme quantità di esemplari diffusi in Italia e in Europa.


Guarda il coupé Fiart 4t Genius


Le linee d’acqua del nuovo Fiart Seawalker 43 sono state concepite con software CFD (Computational Fluid Dynamics) e così è nata la sua carena a V con stellatura variabile, ottimizzata per interagire al meglio con i sistemi di propulsione Volvo Penta – la barca è proposta con Ips o entrofuoribordo.

Un lavoro di fino, fa sapere il cantiere, è stato anche nel tenere il baricentro dell’imbarcazione il più basso possibile: un’attenzione che la rende meno sensibile al rollio e, dunque, più stabile sia in navigazione sia in rada.

La prua ha uno slancio moderato e presenta un sistema di ormeggio con ancora a cubia, ma in alternativa si può avere a ribalta, completamente a scomparsa. Le murate alte 60 cm nella zona del pozzetto disegnano una linea del cavallino moderatamente inclinata e priva di battagliola. La forma “a coltello” delle vetrate è un segno distintivo che richiama tutto il family feeling della gamma Seawalker 43 e della produzione di Fiart Mare in generale.

Un piano di coperta improntato alla versatilità degli spazi

Partiamo dalla postazione di guida, che comprende, oltre alla porta d’accesso agli interni, una plancia completa in termini di strumentazione, che si basa anche sui plotter e strumenti Garmin messi in comunicazione attraverso una rete NMEA 2000 per le funzioni di comando della barca e di monitoraggio. Forniscono inoltre le diagnosi di tutti gli eventuali impianti opzionali installati a bordo, dal dissalatore allo stabilizzatore giroscopico.

La console in posizione centrale anche rispetto alla linea longitudinale suddivide il ponte in due aree distinte. Entrambe interpretano il concetto di open cruiser: a prua c’è il classico prendisole ricavato sulla tuga, completato da un divano fronte marcia con vista sull’orizzonte.

A poppa il Fiart Seawalker 43 propone due opzioni di allestimento: la prima, adatta a un super tender, prevede il mobile cucina/bar alle spalle delle sedute di pilota e copilota, seguito dalla dinette pranzo e dal secondo prendisole di bordo. A questo, che grazie a un sistema di cuscini ribaltabili può essere parzialmente trasformato in divano, possono essere abbinati un tavolo da pranzo ma anche un secondo divano che guarda a poppa.

Nella seconda versione il Seawalker 43 può essere allestito con il caratteristico pozzetto già visto su altri modelli Fiart, In questo caso, al posto del prendisole di poppa c’è una zona living a U con un tavolo a scomparsa elettrico. In questo modo si libera un’ampia superficie a disposizione di armatore e ospiti, adatta a un arredamento free standing o a restare sgombra per aumentare la versatilità della barca.

La plancetta poppiera si può avere in una versione lunga 1,20 metri con meccanismo di sollevamento elettroidraulico, mentre il gavone di poppa nella versione con prendisole può accogliere anche un piccolo tender.

Due possibilità di scelta per il layout degli interni

Gli spazi sottocoperta sono stati ottimizzati in tutte le dimensioni: l’altezza garantita sia nella cabina di prua sia in quella di poppa è di 180 cm, un numero che impressiona soprattutto per quanto riguarda la seconda cabina, quella a poppa, che di solito in barche simili è sacrificata sotto il pozzetto. C’è poi un bagno con box doccia separato a servire entrambe le cabine.

Un layout alternativo del Fiart Seawalker 43 prevede, in luogo della cabina di poppa, una versione con dinette interna trasformabile. Ancora, si può avere un vasto locale storage, configurazione adatta a quegli armatori che vogliano utilizzare il Seawalker 43 come unità a supporto di una mothership di lusso.


Leggi anche il nostro test del Fiart 33 Seawalker con due Suzuki DF300


Il Fiart Seawalker 43 offre la scelta fra sei motorizzazioni, tutte Volvo Penta: tre con piedi poppieri (2×320 D4, 2×380 V8 e 2×400 D6) e tre con Ips (2×380 Ips 500, 2×480 Ips600 e 2×480 Ips650), con velocità comprese fra 36 e 42 nodi.

I numeri di Fiart Seawalker 43

  • Lunghezza f.t. …………………………. 13,84 m
  • Larghezza massima ……………….. 3,99 m
  • Dislocamento a vuoto ……………. 9.300 Kg
  • Dislocamento a pieno carico … 12.500 Kg
  • Riserva carburante ……………….. 1.150 l
  • Riserva acqua dolce ………………. 550 l
  • Posti letto ……………………………….. 4
  • Cabine …………………………………….. 2
  • Motorizzazione massima ……… 2×480 cv Volvo Penta IPS 650
  • Velocità massima …………………… 42 nodi
  • Progetto navale ……………………… Ufficio tecnico Fiart Mare

Guarda tutta la gamma Fiart sul sito del cantiere


Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2020 BoatMag. All Rights Reserved.