Cranchi M38 ST: un natante a cui piace fare il motoryacht

9,99 metri di scafo, quindi senza omologazione e problemi burocratici, ma con due vere cabine e poi in coperta… ecco è il Cranchi M38 ST

Non capita spesso di salire a bordo di una barca e trovarsi subito a proprio agio. Invece sul Cranchi M38 succede proprio questo: neppure il freddo pungente della bella mattinata nella laguna veneta riescono a raffreddare un giudizio che è subito positivo. Le quotazioni di questa barca salgono poi ulteriormente come getto lo sguardo sottocoperta: l’abitabilità è eccellente e anche una crociera di più giorni non costituirà certo un problema. Ma andiamo con ordine e raccontiamo la prova di una delle barche più interessanti tra quelle che sfuggono all’immatricolazione e lasciano più tranquilli i loro armatori anche su un fronte che al solo pensiero può già rovinare la vacanza.

Cranchi M38 HT

L’impegno del progettista è quello di unire a una buona volumetria, indispensabile per poter ricavare due cabine, alla necessità di confrontarsi con una lunghezza relativa e quindi mantenendo le giuste proporzioni. Esercizio stilistico perfettamente riuscito perché l’M38 è ben bilanciato nei volumi e il protettivo hardtop è dissimulato dalla vetrata dal disegno un po’ complesso ma efficace, mentre l’opera morta, complice anche la colorazione bicolore, dissimula bene il suo volume importante. Risultato finale, una bella barca, certamente non originale nel suo complesso, ma ben studiata in tutti i suoi vari elementi. Quanto alla carena, la tradizione del cantiere su queste misure è una garanzia, che per altro verificherò presto.

Coperta

La plancetta di poppa è di generose dimensioni interrotta dalla passerella che dà proprio fastidio, ma è un optional. Doppio l’accesso verso prua, quello di dritta porta direttamente al passavanti, quello di destra introduce al pozzetto, dove a dritta si apre subito un’accogliente dinette; volendo il tavolo può essere abbassato e trasformare il tutto in un prendisole, ma lo schienale di poppa rigido dona all’assieme un senso di “chiuso” su cui forse varrebbe la pena di sviluppare soluzioni alternative, per esempio una spalliera ribaltabile che ampli il solarium. Come dinette è comunque perfetta e accogliente, tanto più che di fronte c’è un ben accessoriato angolo cucina con grill, lavello e frigorifero. A pruavia si allunga la ormai classica chaise longue che sfrutta al meglio l’ampia apertura garantita dal soft top (da lì l’ST nella sigla della barca) a comando elettrico. Molto bella la plancia dove gli strumenti sono raccolti su una stampata di colore differente rispetto allo scafo: in bell’ordine e in maniera razionale, anche se forse manca lo spazio per altre dotazioni accessorie, ammesso che se ne senta il bisogno. Da notare i due oblò tondi e apribili che danno luce e aria alla cucina e alla cabina centrale.

Cranchi-M38-HT_pozzetto-copertaCranchi M38 HTCranchi M38 HTCranchi M38 HT

L’accesso a prua è garantito da un passavanti ben dimensionato e protetto da una robusta battagliola, ma si nota la mancanza di un tientibene sulla tuga che darebbe un importante appiglio ai meno agili. In compenso una volta a prua ci si può beare dello splendido prendisole con tanto di schienali reclinabili, portabicchieri e una protezioni imbottita anche ai lati della tuga.

Interni

Due cabine completamente separate dalla dinette che, volendo, è essa pure trasformabile in un ulteriore letto. Una soluzione di emergenza sempre comoda, anche se preferisco apprezzarla per quello che sa offrire con il suo tavolo e il comodo divanetto. Di fronte c’è il completo mobile cucina che, grazie all’oblò sul cielo della tuga e alla vicinanza dal tambuccio, sembra poter garantire una veloce evacuazione degli eventuali fumi. A pruavia l’importante volume del bagno è ben speso per dare agio a un locale che riveste un’importanza fondamentale nelle crociere prolungate e qui si è giustamente scelto di averne uno solo ma ben strutturato. L’autentica sorpresa è però costituita dalla cabina a centro barca che per la sue dimensioni possiamo ben definire armatoriale. A parte l’altezza di 2 metri all’ingresso (e nel resto della barca ci si muove sempre attorno a 1,90 m) a dritta, proprio di fianco alla generosa finestratura vista mare, si allunga una cuccetta da 1,60 metri, ideale per un ragazzino o come chaise longue per una rilassante lettura con panorama. Di fronte, oltre a una comoda poltroncina, si allunga fino alla murata (e alla finestra) di sinistra il letto doppio con un elemento centrale mobile per trasformarlo in due cuccette singole, roba di dimenticarsi di essere “solo” su un 10 metri! La seconda cabina è a prua dove il letto accostato di traverso a sinistra consente di avere un buon agio nei movimenti.

Cranchi M38 HTCranchi M38 HTCranchi M38 HTCranchi M38 HT

Test

I due Volvo Penta D4 con piede poppiero ed elica di prua costituiscono l’unica opzione offerta dal cantiere che lascia scegliere tra i 260 e i 300 cv. La barca in prova montava questo ultimi ma con i meno potenti si possono risparmiare più di 10 mila euro perdendo qualche nodo di velocità. Su una barca così è davvero importante?
L’alto Adriatico fuori dalla base nautica Cranchi di San Giorgio di Nogaro, in provincia di Udine, non è di quelli che possono mettere in crisi la carena collaudata e marina dell’M35: calma piatta e solo un freddo pungente a dispetto del bel sole. A conferma dell’ottima aerodinamica riusciamo a navigare con mezzo soft top aperto, senza che in plancia si sia disturbati dal vento e tantomeno dalle sue turbolenze. Baciati quindi dal sole possiamo dare fondo alle manette, i 600 cavalli danno subito slancio al Cranchi che in pochi secondi è in planata. La regolazione automatica dei trim è disinserita, mentre funziona quella dei flap che ha una funzione di bilanciamento dell’assetto e praticamente interviene solo in virata, anche a causa dello scarso equipaggio (due sole persone) e di un vento quasi nullo, di solito i due principali elementi a causare uno sbilanciamento dello scafo. La velocità di punta è raggiunta a 3500 giri e 32,8 nodi di velocità; provo a ripetere la progressione con i trim in posizione automatica e noto una leggera differenza attorno ai 2500 giri con un incremento della velocità (20,3 nodi contro 18,1) e un leggero contenimento dei consumi (57 l/h contro i precedenti 59) che poi si annulla a 3000 per ripresentarsi al regime massimo che sale a 3600 facendoci raggiungere la punta velocistica di 34,2 nodi con un consumo praticamente invariato. Lasciare quindi al controllo automatico dei trim, che però è un optional, la supervisione dell’assetto ottimale della barca mi sembra una scelta corretta. Sotto la sua azione verifico anche la planata minima che è mantenuta a 1700 giri e 10 nodi scarsi, con un consumo di 26 litri: una navigazione decisamente economica, un po’ meno a velocità di crociera individuata dal cantiere a 3000 giri dove il consumo sale a poco più di 70 litri/ora. È il momento di provare a mettere un po’ alla frusta la carena cercando di incrociare le nostre scie: il passaggio è sempre ben attutito, anche quando affrontiamo le onde inclinati e in piena virata. Operazioni che ci consentono anche di verificare la sicurezza che la barca trasmette nelle condizioni più estreme: anche in mare l’M35 è promosso a pieni voti.

Test BoatMag

Caratteristiche tecniche
Lunghezza ft ………………… m 11,61
Lunghezza scafo …………… m 9,96
Larghezza ……………….…… m 3,88
Pescaggio ……………….…… m 1,00
Dislocamento a vuoto …… kg 8800
Motorizzazione max ……… cv 300×2
Serbatoi carburante ……… l 600
Serbatoio acqua …………… l 190
Posti letto …………………… 4
Portata persone …………… 12
Categoria di progettazione … B

Motori e prezzi
2×260 cv Volvo Penta D4 ………… euro 243.500
2×300 cv Volvo Penta D4 …………  euro 253.300

Dotazioni di serie
Ancora 15 kg con verricello 700 W e catena – Impianto raccolta acque grigie – Portellone mtore servoassistito – N. 3 batterie motori – Boiler 25 l – Bussola – Caricabatterie – correttori assetto Volvo Penta – Cucina – Prendisole prua – Doccia Pozzetto – Microonde – Hardtop con tettuccio elettrico – Multisensor Volvo (temperatura, velocità, profondità) integrato – pavimento quadarto di legno – Autoclave – N. 6 parabordi – Radio Fusion con usb – Tavolo pozzetto di teak – Rivestimento teak plancetta e parte del pozzetto – Timoneria elettronica – Zanzariere.

Optional
Aria condizionata 16000 BTU – Joystick con cruise control, single level, trip computer, trim assistance – Serbatoio acque nere – Capottina chiusura poppa – Doccia prua – Colorazioni scafo – Finestrini laterali apribili – Frigo pozzetto – Gps e pilota automatico  Garmin – Generatore – Grill elettrico pozzetto – Luci subacquee – Oscuranti parabrezza – Passerella idraulica – Riscaldamento – Teak pozzetto – Tv led – Vhf.

Condizioni del test
Stato del mare calmo, temperatura 8 °C, carburante l 450, acqua l 180, equipaggio 2 persone, carena pulita, motorizzazione 2×300 cv.

Prestazioni
1000 giri ………… 6,5 nodi ………… 6,9 l/h ……… 66 db
1500 giri ………… 8,7 nodi ………… 20 l/h ……… 68 db
2000 giri ………… 11,0 nodi ……… 38 l/h ……… 72 db
2500 giri ………… 18,8 nodi ……… 59 l/h ……… 74 db
3000 giri ………… 26,1 nodi ……… 74 l/h ……… 75 db
3500 giri ………… 32,8 nodi ……… 113 l/h ….… 76 db

Autonomia teorica in ore (con riserva 10%)
2000 giri ………… 14 ore 10’
3000 giri ………… 7 ore 10’
3500 giri ………… 4 ore 40’

Costruita da C.N. Cranchi
tel 0342 683359

visita il sito del cantiere Nautico Cranchi

Cerca il concessionario Cranchi

 

Lombardia

CANTIERE DEL LAGO D’ISEO BELLINI Srl
Clusane d’Iseo (Bs)
Tel. 030 9829170
info@nautica-bellini.it

MONIGA PORTO NAUTICA Srl
Moniga del Garda (Bs)
Tel. 0365 671022
info@monigaporto.it

PAGLIARINI INTERNATIONAL BOATS Srl
Cremona
Tel. 0372 432548
info@pagliarini.it

Piemonte

LUSSO NAUTICA Srl
Base Nautica: Marina di Varazze (Sv)
Tel. 019 9399059
nautica@lussonautica.it

ALL SCAF
Dormelletto (No)
Tel. 0322 498150
allscaf@allscaf.it

Liguria

PAGLIARINI INTERNATIONAL BOATS Srl 
Porto Mirabello – La Spezia
Tel. e Fax 0187 738025
info@pagliarini.it

LUSSO NAUTICA Srl
Marina di Varazze (Sv)
Tel. 019 9399059
nautica@lussonautica.it

CANTIERI SAN LORENZO AL MARE MCS
San Lorenzo al Mare (Im)
Tel/Fax: 0183 91912
direzione@sanlorenzoalmarecantieri.it

Veneto

BIONDI
Casale sul Sile (TV)
Tel: 0422 670120
info@nautica-biondi.it

Friuli Venezia Giulia

CENTRO NAUTICO LIGNANO
Latisana – Loc. Picchi (UD)
Tel: 0431 53363
vendite@centronauticolignano.com

Emilia Romagna

NAUTICA MEGLIOLI Srl
Modena
(a 100 m dallo svincolo A1 Modena Nord)
Tel. 059 822720
info@meglioli.it

RIMINI SERVICE YACHT & SAIL Srl
Rimini
Cell. 335 1626600
info@riminiserviceyacht.it

Toscana

ARCAN Srl
Porto Santo Stefano
Monte Argentario (Gr)
Tel. 0564 818310
info@arcanyachts.com

CALA DE’ MEDICI CANTIERE
Rosignano Solvay (LI)
Tel: 0586 799767
mazzieri@calademedicicantiere.net

Lazio

ALIMAR Srl
Fiumicino (Rm)
Tel. 06 6582868
info@alimar.it

BASE NAUTICA Srl
Latina
Tel. 0773 250411
info@basenautica.it

Molise

MARINUCCI YACHTING Srl
Termoli (CB)
Tel. 0875 702238
nautica@myc.it

Campania

NAUTICA SUD Srl
Castellammare di Stabia (Na)
Tel. 081 8717166
info@nauticasud.it
fabio.celotto@nauticasud.it

Puglia

CENTRO NAUTICO IDEA VERDE Srl
Mesagne (Br)
Tel./Fax 0831 738637
info@nauticaideaverde.it

Basilicata

CENTRO NAUTICO IDEA VERDE Srl
Mesagne (Br)
Tel./Fax 0831 738637
info@nauticaideaverde.it

Calabria

NS NAUTICARAVANS
Vadue di Carolei (Cs)
Tel. 0984 624398
info@nsnauticaravans.com

Sicilia

NAUTICA AZZURRA Srl
Brolo (Me)
Tel. 0941 561033
Ufficio di Portorosa:
Tel: 0941 874831
info@nauticaazzurra.com

ORAM Srl 
Catania
Tel. 095 7122383
info@nauticaoram.it

Sardegna

PAGLIARINI INTERNATIONAL BOATS Srl
WAKE’S Srl – c/o DAVIDE GESSA
Olbia (Ot)
Tel. 0789 599104
davidegessa@drydock.it

Notizie correlate

One Response

Lascia un commento
  1. Fabio
    Feb 04, 2016 - 12:45 AM

    Molto bella

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2022 BoatMag. All Rights Reserved.