Ucina Confindustria Nautica, Massimo Perotti rassegna le dimissioni da presidente

 La decisione di Massimo Perotti, eletto soltanto otto mesi fa con un incarico destinato a durare fino al 2018, è stata annunciata oggi in Consiglio Direttivo Ucina ed è irrevocabile.

Ora toccherà alla Commissione Saggi l’avvio delle consultazioni per individuare nuovi candidati da presentare alla prossima assemblea elettiva prevista in aprile, cioè entro i novanta giorni dettati dallo Statuto entro cui il Consiglio Direttivo deve eleggere un nuovo presidente. Nel frattempo l’incarico di reggente passa al vicepresidente più anziano, che è Lamberto Tacoli (nella foto sotto), esponente del Gruppo Ferretti.

Lamberto Tacoli

Non si sa il reale motivo di queste dimissioni, alcuni parlano di tensioni – poi smentite dallo stesso Perotti – con il presidente precedente Anton Francesco Alberto, ora a capo de I Saloni Nautici (la società che, sempre sotto l’egida di Ucina, è incaricata dell’organizzazione del Salone di Genova).

Certo è che l’Ucina, già da prima dell’insediamento di Perotti, sta vivendo uno sgretolamento al proprio interno, una situazione che, volendo vedere, può anche essere intesa come un’evoluzione naturale visto che sotto un unico cappello ci sono grandi industrie nautiche e piccoli produttori con interessi palesemente diversi il cui gap, in una situazione di profonda crisi del settore, diventa ancora più ampio e dunque di difficile sopportazione da entrambe le parti. Non a caso, se osserviamo ciò che dichiara la stessa Ucina, ovvero che in questi mesi l’industria nautica italiana si è dimostrata ancora una volta leader nel mondo conquistando il primato degli order book, possiamo notare che la grande industria dei marchi blasonati vive bene vendendo all’estero, mentre i piccoli produttori sono costretti ad arrancare in Italia e non hanno il peso necessario per potersi affermare nel vasto mercato internazionale.

Poi, indubbiamente ad alimentare le fiamme saranno anche stati vecchi attriti, divergenze di idee, sgambetti e quant’altro, che hanno portato Perotti a rilevare un’indisponibilità a un confronto per l’attuazione del programma, come afferma lo stesso ormai ex presidente nella sua dichiarazione ufficiale: “Ho scelto con dolore le dimissioni, perché lo ritengo un passo necessario per il futuro di Ucina, che auspico potrà essere più forte, unitaria e concentrata sul bene comune. È un momento di crisi in cui bisogna saper reagire con rapidità: la strada che ho cercato di intraprendere in questi mesi andava in questa direzione, ma ho maturato il convincimento che sia mancato in Ucina quel confronto proattivo e positivo necessario per poter dare attuazione al mio Programma. Assicuro la mia disponibilità a collaborare da oggi con il Consiglio Direttivo e la Commissione Saggi per l’individuazione di una figura che possa proseguire, con decisione e consenso, un progetto finalizzato ad una rinnovata convergenza di interessi in Associazione”.
Fin dalle sue prime battute da presidente, Massimo Perotti ha sempre fatto appello alla massima coesione del gruppo, rivolgendosi anche ai cosiddetti “dissidenti” che, sebbene in misure diverse, hanno preso le distanze dall’Ucina. E lo stesso messaggio lo ha rilanciato nel suo momento conclusivo, incoraggiato dal buon posizionamento dell’industria nautica italiana nel mondo: “Per restare in questa posizione Ucina ha bisogno di mantenere unità di intenti e un percorso comune a tutti i Soci che sappia essere un messaggio forte e unitario sia nei confronti del nostro mercato nazionale, che ha bisogno di essere ricostruito, sia di quello internazionale dove non possiamo perdere la posizione che la nautica italiana ha saputo conquistarsi”.

Ora, per chi osserva dall’esterno, l’impossibilità di riuscire a far remare tutti dalla stessa parte può essere interpretato come un fallimento di Perotti, e indubbiamente avrà le sue colpe, ma la responsabilità maggiore forse l’ha chi non ha voluto sincronizzarsi nella “remata”, forse non consapevole che se la nautica italiana è in mezzo a una burrasca, solo un gruppo unito potrà avere speranza di portarla verso il sereno. E la dimostrazione l’abbiamo proprio ora, quando in un momento così delicato in cui ci sono tanti tavoli aperti in sede legislativa per agevolare l’utilizzo della barca, la mancanza del referente principale del mondo nautico e le spaccature interne certamente non gioveranno, o quanto meno non accelereranno, il dialogo con ministri e parlamentari.

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2020 BoatMag. All Rights Reserved.