Mondiale XCAT: Carpitella a un passo dalla vittoria

Sfiorata la vittoria tricolore nel Mondiale XCAT: l’italiana “T-Bone Station” parte meglio di tutti ma si ritira quando è in testa a due giri dalla fine e il successo va a “XDubai”.

Ancora molte emozioni nel Mondiale XCAT a Dubai Marina: dopo una battaglia da cardiopalma fra tre team, è stato un problema tecnico a decidere le sorti della gara a poche tornate dal termine.
Il Dubai Grand Prix, seconda prova del mondiale UIM XCAT World Series, è iniziato con grande tensione. Una partenza anticipata costringe gli ufficiali alla bandiera rossa, dopo che “T-Bone Station” con Giovanni Carpitella e Ahmed al Hamli si era portata in testa bruciando in accelerazione “XDubai” dei campioni 2014 Al Zaffein e Bin Hendi.

Mondiale-XCAT_Dubai_RaffaelloBastiani0711

Tutto da rifare. Al secondo via, la barca italiana si ripete e transita al comando alla prima boa. Anche “Abu Dhabi” di Al Tayer e Al Mansoori supera “XDubai” che così decide di fare subito il long lap e rientrare in nona piazza. Comincia per Al Zaffein e Bin Hendi una faticosa rimonta, mentre davanti Carpitella spinge come un forsennato e controlla a distanza “Abu Dhabi”. All’undicesimo giro è il momento di effettuare il long lap anche per i due team in testa, mentre “XDubai” li tallona già in terza posizione. È questione di pochi metri: al rientro T-Bone è ancora prima, mentre Abu Dhabi deve cedere ai “cugini” di “XDubai”. Sembra fatta per Carpitella e Al Hamli, ma dopo poche centinaia di metri iniziano a rallentare: un problema di alimentazione li costringe al ritiro.
La delusione è forte, e non basta per consolarsi sapere che le prestazioni sono ormai allineate a quelle dei pluricampioni Arif Al Zaffein e Nadir Bin Hendi. Questi ultimi tornano infatti alla vittoria dopo il motore in fiamme che li aveva costretti al ritiro nella prima gara di Fujairah. Terzi Salem Al Adidi e Eisa Al Ali su “Dubai”.
I migliori italiani al traguardo sono Matteo Nicolini e Tomaso Polli, sesti su “Hoorsenbuhs”, seguiti a ruota da Alfredo Amato e Marco Pennesi su “Videx” e dai debuttanti Gian Maria Gabbiani e Roberto Lo Piano su “Air Team”.

Mondiale-XCAT_Dubai_RaffaelloBastiani0701

“Dopo un problema a un motore in entrambe le partenze, abbiamo deciso insieme di fare subito il long lap per toglierci dal traffico – spiega il vincitore Nadir Bin Hendi -. Poi non restava che spingere al massimo, è stata dura ma ce l’abbiamo fatta. Ora continuiamo a lottare per tornare in testa al Mondiale XCAT”.
“Una gara difficilissima – commenta Rashed Al Tayer -, sempre in battaglia per le prime posizioni. Credo che abbiamo sbagliato la strategia, avremmo dovuto fare il long lap prima. Siamo comunque soddisfatti per i punti perché restiamo in testa nel Mondiale XCAT”.

Mondiale-XCAT_Dubai_RaffaelloBastiani0732

Infatti, con il secondo posto di oggi e la vittoria nel primo appuntamento, Al Tayer e Al Mansoori su “Abu Dhabi” mantengono il comando della classifica iridata con 70 punti rispetto ai 49 di “XDubai”. Sempre a quota 49, l’altro team emiratino “Dubai”, oggi terzo con una eccellente rimonta dall’undicesima piazza. Inseguono gli italiani Nicolini-Polli su “Hoorsenbuhs” a 46 punti. Nonostante due gare eccellenti, i problemi tecnici lasciano Carpitella e Al Hamli su “T-Bone Station” in ottava posizione a soli 44 punti dal vertice.

Il prossimo appuntamento con il Mondiale XCAT sarà a maggio, in Europa, in una località annunciata a breve. Si tratterà della terza tappa su un totale di otto gare in tre continenti, con l’Australia pronta al debutto della serie ad agosto in Gold Coast.

Visita il sito XCAT Racing

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2022 BoatMag. All Rights Reserved.