Con quattro Mercury Verado 400R a 61 nodi

Provati in anteprima in Dubai anche i nuovi Mercury Verado 400 R, ben quattro su un monocarena Victory 57 per volare a 61 nodi.

La differenza sostanziale tra i due nuovi Mercury Verado 400R e gli altrettanto nuovi Verado 350 è data, oltre dai 50 cv di potenza e il fatto che non sono omologati per il diporto (almeno qui da noi), dal regine di rotazione che ha la linea rossa a 5800-6400 rpm per il Verado 350 e arriva fino a 7000 rpm per il Mercury Verado 400R. Identico il peso, diversa la grafica che offre, oltre alla due colorazioni bianca o nera, anche la possibilità di personalizzare i fregi con una serie di adesivi di diversi colori (per la cronaca: rosso, arancio, giallo, verde, viola, blu, nero e fibra di carbonio), ma come la penso l’ho già detto.
Il piede Sport Master è stato sviluppato appositamente per i Mercury Verado 400R con un rapporto di trasmissione di 1,75:1 (identico a quello del 350) e realizzato con componenti speciali per sopportare la maggiore potenza. Tre le misure del gambo, disponibile in 508, 635 e 762 millimetri di lunghezza come il Verado 350, ma qui è offerta la possibilità di tre skeg per avere sempre la soluzione ideale. Non potevano mancare due eliche specifiche a quattro pale, la Bravo I FS e la ProMax, quest’ultima pensata soprattutto per le applicazioni monomotore. Le manette DTS elettroniche separano la selezione delle posizioni neutro-fast-retro dagli acceleratori propriamente detti (come sempre sulle barche da competizione). Per il resto il monoblocco è in comune con i Mercury Verado 350 per il diporto, cioè un sei cilindri in linea di 2,6 litri e 24 valvole con compressore volumetrico che grazie alla cilindrata contenuta pesa solo 303 kg.

Visita il sito Mercury

 

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2022 BoatMag. All Rights Reserved.