Un Pavarotti & Friends d’ispirazione nautica in un amarcord di Rio Yachts a dieci anni dalla scomparsa di Luciano Pavarotti

Categorie: News Varie
16 Ottobre 2017
Un Pavarotti & Friends d’ispirazione nautica in un amarcord di Rio Yachts a dieci anni dalla scomparsa di Luciano Pavarotti

Quanti artisti e amici si sono avvicendati al fianco del grande tenore Luciano Pavarotti per dare vita ai numerosi spettacoli del Pavarotti & Friends? Ma il maestro, oltre la musica era anche altro. Era pure interessato alla nautica.

Ed eccolo qui, ripreso in queste foto al Salone di Genova in visita allo stand di Rio Yachts, accolto da una raggiante signora Anna Maria Ziliani Scarani (in primo piano) e poi insieme all’ingegner Luigi Scarani, che gli mostra le caratteristiche dell’allora ultimo modello del cantiere.


Erano gli anni Settanta e il cantiere era ancora piuttosto giovane (fu fondato nel 1961 ad opera di Luigi e Anna Maria Scarani), ma era già molto affermato. L’abbondanza e la varietà di barche esposte erano anche la testimonianza di un’imprenditoria italiana in pieno fermento e, come Luciano Pavarotti allietava gli spettatori di tutto il mondo con il bel canto italiano, Rio Yachts portava ogni anno nella scena internazionale dell’ambitissimo Salone di Genova la sua produzione di barche italiane, contribuendo a diffondere e a rendere anche più popolare il piacere dell’andar per mare.

Ma il maestro e il cantiere sono stati uniti anche da una data, o meglio, un anno molto significativo che, indubitabilmente, ha portato loro fortuna: il 1961. In quell’anno Luciano Pavarotti ottenne il primo riconoscimento nazionale che gli diede accesso ai palchi dei maggiori teatri prima italiani e poi mondiali, mentre la famiglia Scarani aprì ufficialmente i battenti del nuovo cantiere Rio Yachts, che nei suoi 56 anni di attività ha sempre superato le diverse crisi che hanno colpito la nautica e gode ancora di ottima salute.

Sono passati molti anni e ora, purtroppo, sia il maestro Pavarotti sia l’ingegner Scarani non sono più tra noi, ma magari, chissà, si sono ritrovati entrambi lassù e ogni tanto guardano quaggiù per osservare tutte le novità che il cantiere bergamasco ha prodotto in questi ultimi anni.

E chissà quale delle barche di ultima generazione avrebbe scelto oggi Luciano Pavarotti. Era più un tipo da barca open come il nuovo 40 Spider? O avrebbe preferito un hardtop come il Paranà 38 o il più grande Colorado 56?

Di sicuro non gli sarebbe passata inosservata l’ultimissima novità del cantiere, il nuovo Granturismo 60 pronto per debuttare a fine ottobre all’imminente fiera di Ft. Lauderdale, in Florida, ma che vi possiamo già anticipare qui con le primissime immagini di questa versione che è stata totalmente customizzata per un armatore americano.


            


            

Condividilo a un amico

Claudio Russo

Inizia nella nautica, che poi lascia per fare esperienze in vari altri settori della comunicazione. Diventa giornalista e passa nella sfera dello sport, dove ha partecipato anche alla realizzazione di alcuni fra i primi siti d'informazione in ambito calcistico e delle Olimpiadi di Sydney 2000. Nel 2002 torna nella nautica come caporedattore di un mensile fino alla nuova sfida raccolta nel 2013 con BoatMag.
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

magnifiercrossmenu