YAMAHA-V6-F300-OUTBOARD-ENGINES

Yamaha e Pirelli, dalla pista al mare

A volte viene da chiedersi “che c’entra?”. Ma tutto serve a fare notizia, così con una nuova partnership motociclistica tra Yamaha e Pirelli è stata “tirata dentro” anche la nautica.

La collaborazione tra Yamaha e Pirelli si consolida con il lancio della nuova Yamaha YZF-R1 dotata di pneumatici di primo equipaggiamento Pirelli Diablo Supercorsa SP. Così, se la nuova supersportiva di Iwata è calzata Pirelli, anche il gommone Pirelli Pzero 1100 Cabin è dotato di due motori fuoribordo Yamaha V6 F300 e insieme sono i protagonisti del servizio “Il poker vincente”.

Yamaha e Pirelli sono, nei rispettivi campi di attività, due marchi d’eccellenza riconosciuti per l’alto livello tecnologico e per le prestazioni offerte dai propri prodotti.  La partnership tecnica tra queste due aziende si fonda su una pluriennale e fruttuosa collaborazione che si è sviluppata in modo importante a partire dall’inizio degli anni Ottanta. Il primo frutto di questo lavoro congiunto fu addirittura la mitica Yamaha XJ900 lanciata nel 1983 e per la quale Pirelli progettò gli pneumatici Phantom nella versione dedicata Y.
Da allora, con il passare degli anni il legame tra i due brand si è costantemente rafforzato sviluppandosi anche nel settore della nautica dove Pirelli ha una solida tradizione che oggi si esprime pienamente nella progettazione di gommoni alto di gamma e dove Yamaha mette a frutto tutta la propria esperienza ingegneristica nello sviluppo e nella produzione di motori fuoribordo dalle elevate prestazioni.

PIRELLI-PZERO-1100-CABIN

Poker vincente

L’ultimo esempio di collaborazione tra le due aziende è incarnato dalla nuova Yamaha YZF-R1, una moto che, per domare i 200 cavalli del proprio evoluto motore “crossplane”, è stata dotata in primo equipaggiamento degli pneumatici Pirelli Diablo Supercorsa SP di derivazione Superbike.
Per celebrare questi anni di successo e di partnership globale Pirelli e Yamaha, con la collaborazione della trasmissione televisiva “The Boat Show”, hanno realizzato un servizio dal titolo “Il poker vincente” che ha per protagonisti la nuova supersportiva di Iwata equipaggiata Pirelli e il gommone Pirelli Pzero 1100 Cabin dotato di due motori fuoribordo Yamaha V6 F300, tutti accomunati dal medesimo denominatore che, ormai da anni, è diventato lo slogan di Pirelli: “Power is nothing without control”.

YAMAHA-YZF-R1

La nuovissima Yamaha YZF-R1 è un gioiello di tecnologia dotata di sistemi evoluti di controllo elettronico e di un innovativo motore crossplane da 998 cc raffreddato a liquido, a 4 cilindri in linea inclinati in avanti, con distribuzione DOHC 4 valvole da 200 cv.
Il suo sistema nervoso è la piattaforma inerziale (IMU) a 6 assi con 3 giroscopi e 3 accelerometri e sensori che analizzano in tempo reale e in 3D posizione e movimenti della moto, con un controllo totale su trazione, slittamenti in imbardata e persino sulle impennate e partenze.
A scaricare a terra i cavalli del mezzo ci pensano gli pneumatici di primo equipaggiamento Pirelli Diablo Supercorsa SP nelle misure 120/70 ZR17 per l’anteriore e 190/55 ZR17 per il posteriore.

Il Pirelli Pzero 1100 Cabin è un gommone sportivo per spostamenti rapidi costruito con le più moderne tecnologie e che permette anche un eventuale pernottamento a bordo. Scafo e coperta sono realizzati così da ottenere un manufatto leggero, robusto e durevole nel tempo e i tubolari sono stati progettati per incrementare la riserva di galleggiamento e controllare lo sbandamento. Pur superando gli undici metri di lunghezza fuori tutto, il Pirelli Pzero 1100 Cabin è omologato come natante, non necessita quindi di essere immatricolato e, nonostante la sua linea appaia filante e sportiva, nel disimpegno sottocoperta e nel bagno si può restare in piedi, mentre il pozzetto è un’area ben riparata dove trovano posto sei persone.

Così come per la moto, anche in questo caso il mezzo sarebbe incompleto se non avesse modo di sfruttare a pieno la tecnologia di cui dispone. Il Pirelli Pzero 1100 Cabin può essere equipaggiato con due motori fuoribordo Yamaha F300, V6-24 valvole da 300 cv e 4.169 cc di cilindrata. Con un peso di soli 268 Kg, il rapporto potenza/peso è quindi di 1,1 cv per kg.
Il motore dispone di serie del sofisticato Y-COP System, ovvero il dispositivo immobilizzatore di Yamaha che impedisce l’avviamento in caso di furto. L’innesto della marcia è particolarmente morbido grazie al comando fly by wire e alle eliche dotate dello speciale sistema brevettato SDS (Shift Dampener System) che attutisce la rumorosità in fase di inserimento.
Il motore Yamaha F300 è un V6 da 4,2 litri con avanzato sistema a 24 valvole DOHC dotato di iniezione EFI (Electronic Fuel Injection) nonché di sistema di fasatura variabile VCT (Variable Camshaft Timing), per la massima efficienza nei consumi, per le prestazioni e per la facilità di avviamento. Al timone è garantito un controllo di guida uniforme e preciso grazie all’acceleratore e al cambio gestiti elettronicamente.

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2020 BoatMag. All Rights Reserved.