Stagione 2016: perché andare a Marina di Varazze

Provate a pensare a un porto come a un club dove, sì, conta molto la location, l’ambientazione la struttura ecc., ma altrettanto fondamentali sono anche i servizi e le iniziative di coinvolgimento degli associati, che poi fanno sì che quel club venga frequentato assiduamente.

Ecco, su questa stessa lunghezza d’onda è Marina di Varazze, che ogni anno organizza tutta una serie di attività per far sì che la permanenza in porto diventi anche un’opportunità, per chi lo desidera, di aprirsi a una vita sociale più coinvolgente, senza naturalmente dimenticare l’offerta dei servizi legati alla vita nautica. Tant’è che quest’anno i testimonial ufficiali per la campagna di comunicazione di Marina di Varazze sono proprio i suoi stessi clienti. Ecco un esempio:

Boatmag_210x285_MdV_WEB.indd

È stata un’idea, forse l’unica non scaturita dalla vulcanica direttrice marketing e vendite Liliana Molin Pradel, ma venuta ad alcuni armatori che si sono proposti per mettere la faccia e avvalorare le qualità di questa marina, come una sorta di passaparola (che è la migliore promozione), ma amplificato attraverso una campagna pubblicitaria.

Un passaparola che può estendersi su una notevole area geografica fino ad arrivare anche in Germania, Svizzera e nord Europa, che sono a un’ora e mezza di volo da Genova, a sua volta a pochi chilometri da Varazze.

E quest’anno, allora, cosa avranno pensato il direttore del porto Giorgio Casareto e Liliana Molin Pradel insieme al loro staff?

Seguiteci che ve lo raccontiamo. Anzitutto bisogna dividere la questione su due binari che poi insieme convergono sul cliente; uno è legato alle attività di intrattenimento, l’altro ai servizi nautici e promozioni commerciali, perché, come ben ci ha sintetizzato la direttrice marketing: “Un ampio ventaglio di offerte commerciali personalizzate per tipologia di imbarcazione e stile di utilizzo della struttura, insieme al miglioramento dei servizi e dell’offerta di intrattenimento estivo si sono dimostrati una scelta, fin qui, vincente”.

MDV_Mood_08
MDV_Mood_29             MDV_Port_24

Sul fronte dell’intrattenimento rimangono confermati gli eventi musicali con concerti di vario genere e l’attività in collaborazione con il Comune di Varazze e il Parco del Beigua per l’organizzazione di giornate dedicate allo sport outdoor alla scoperta dell’entroterra in giornate in cui si cerca un’alternativa alla navigazione.

Manchette-Newsletter-BoatMagGrandi novità sono invece il Luxury Concierge, con uno staff dedicato per dare ogni servizio su richiesta del cliente (tutti i dettagli in questo articolo), e l’allestimento di una Spa all’aperto con vista mare. Nel periodo estivo, infatti, le terrazze del marina saranno attrezzate con aree a cielo aperto per relax, massaggi e trattamenti in collaborazione con le Terme di Genova.

Le attività in mare, invece, prevedono molte regate veliche ma anche corsi per ragazzi, battute di pesca, mini-crociere o vacanze più lunghe in Liguria, Francia e Corsica, corsi di sub, canoa, sci nautico, wakeboard, paracadutismo ascensionale, Sup e traino gonfiabili e perfino i brindisi al tramonto in barca.

Fascinose atmosfere d’epoca

Anche se non siete appassionati di vela, poter vedere veleggiare tanti Sangermani d’epoca in regata e poi vederli da vicino in porto, è sempre un’esperienza da ricordare. A giugno, Marina di Varazze riserverà un lungo weekend a queste barche in legno che hanno un posto d’eccezione nella storia della nautica italiana.
E se amate proprio i gioielli d’epoca, allora non perdetevi gli appuntamenti dedicati a moto e auto. Il primo è previsto il 2 giugno con vetture costruite tra il 1900 e il 1940 che nell’ambito del raduno “A Spasso nel Tempo” sosteranno in Marina di Varazze dopo la sfilata di rito in città.

Le proposte commerciali

Definire il reale valore di un posto barca non è semplice per gli utenti, ma qui vi può aiutare questo articolo in cui il direttore Giorgio Casareto spiega perché a volte le tariffe sembrano alte, quando invece all’analisi dei fatti si scopre che poi non lo sono.

 

MDV_Boats_14

Ma al di là di questo, Marina di Varazze ha già adottato delle proposte dedicate alle diverse tipologie di armatori e di imbarcazioni con soluzioni adatte agli stili più eterogenei di vita in porto, che hanno dato buoni risultati. Per il 2016, allora, il lavoro è stato una semplice messa a punto. Ecco come si articolano le proposte:

Up to 12: i vantaggi offerti alle imbarcazioni di lunghezza compresa tra i 6 e i 10 metri sono stati estesi fino ai 12 metri

En Plein Soleil per barche dai 12 ai 16 metri: l’offerta è rinnovata per incentivare l’occupazione degli ultimi ormeggi disponibili a tariffe particolarmente convenienti nella zona del porto più lontana dall’area servizi, ma comunque comoda per le manovre di entrata/uscita e ben soleggiata.

The Year of the Cat: i catamarani continueranno a usufruire di due vasche al costo di una con il posto auto davanti all’ormeggio e la disponibilità di un cave a bateaux di 7 mq.

Serenity Package: è dedicato a yacht tra i 16 e i 20 metri si arricchisce di nuovi servizi di manutenzione, assistenza e guardianaggio.

Flex Time: è una novità rivolta alle imbarcazioni sopra i 20 metri. Si tratta di contratti di 6 o 8 mesi da utilizzarsi nell’arco di 12/18 mesi dalla stipula. È un’iniziativa per chi in inverno lascia ormeggiata la barca, ma desidera transitare in alta stagione a prezzi competitivi.

MDV_Boats_10

Uno sguardo ai numeri del 2015

Queste strategie commerciali, insieme alle iniziative di intrattenimento, hanno prodotto a Marina di Varazze nel 2015 un aumento del 18% di contratti stanziali rispetto al 2014, corrispondente a un aumento di fatturato per questo tipo di contratti di circa il 6%.

Le oltre 1.200 giornate di transito registrate si pongono in linea con i numeri registrati nella stagione precedente, mentre un incremento dei consumi elettrici in banchina, pari circa all’8%, e un aumento del 12% relativo ai consumi presso le attività commerciali (ristoranti e negozi) possono essere letti come un interessante indicatore qualitativo, segno, cioè, che i diportisti stanno tornando a vivere il Marina in modo più attivo.

“Si tratta di un ‘cauto dinamismo’ – evidenzia il direttore di Marina di Varazze Giorgio Casareto – che i primi mesi del 2016 appaiono però confermare. Gennaio e Febbraio sono in linea con l’andamento positivo degli ultimi 18 mesi, una tendenza che consente di prevedere un aumento complessivo dei contratti stanziali intorno al 20% entro la fine dell’anno e un aumento del fatturato di circa il 15% rispetto al 2015. È ancora presto per dirlo, ma il mercato sembra dare segnali di potenziale tenuta per quanto riguarda le tariffe”.
Manchette-Newsletter-BoatMag

Notizie correlate

Commenti chiusi

Copyrıght 2018 BoatMag. All Rights Reserved.