Mercury 40 SeaPro a prova di pontoon

Due tonnellate di barca carica di giornalisti e il Mercury 40 SeaPro non ha problemi a farla navigare in un mare agitato. Ci poteva essere prova più convincente?

I pontoon sono una tipologia di imbarcazioni che in Italia, almeno per il diporto, non hanno avuto per ora successo. Discorso diverso come barche da lavoro, dove invece si sono fatte apprezzare per la loro versatilità, soprattutto per la possibilità di poter montare su una base stabile e generosamente dimensionata diverse attrezzature anche pesanti e ingombranti.

Mercury-SeaPro-40_Pontoon_1

Il Mercury 40 SeaPro e il pontoon da lavoro

È questo il caso del pontoon che al meeting Mercury è stato utilizzato come barca appoggio per giornalisti e fotografi che si avvicendavano nei test e nelle riprese fotografiche delle barche in prova. Un trimarano di alluminio con le dotazioni di bordo passa già di suo le due tonnellate e, con a bordo una quindicina di giornalisti, rendeva ancora più improbo il compito al “piccolo” Mercury 40 SeaPro di 40 cv effettivi, cioè senza nessun intervento di “potenziamento” postumo: 40 cv sono e 40 cv restano.

La maneggevolezza dimostrata nonostante il vento, il carico e il mare agitato in tutta la mattinata dedicata ai test, hanno promosso a pieni voti il Mercury 40 SeaPro che, insieme al modello da 60 cv, è stato lanciato quest’anno e si va a unire alla famiglia di motori “professionali” presentata nel 2015 e composta anche dai modelli da 75 cv, 90 cv, 115 cv e 150 cv, tutti caratterizzati dalla grafica nera e blu che li identifica immediatamente.

Il nuovo Mercury 40 SeaPro, grazie alla cilindrata elevata e al peso contenuto (118 kg), garantisce prestazioni adeguate alle applicazioni commerciali e dura anche tre volte di più rispetto ai motori da diporto. Il motore è sviluppato su un monoblocco a quattro cilindri in linea di 995 cc a due valvole per cilindro e, tra le migliorie studiate per incrementarne la durata e l’affidabilità, da ricordare la pompa di alimentazione per applicazioni commerciali, sistemi di tenuta dei magneti del volano, supporti superiori più robusti, termostato di acciaio inox e il pistone del trim a gas (su alcuni modelli). Inoltre, questi motori sono stati progettati per agevolare la manutenzione e garantiscono un risparmio di carburante tipico della tecnologia Mercury FourStroke.

Completano le dotazioni del Mercury 40 SeaPro il processo di verniciatura multifase, l’alloggiamento dell’albero di trasmissione anodizzato che protegge dalla corrosione e migliora le prestazioni e la longevità in ambienti salmastri. Di serie è previsto inoltre il Command Thrust, il piede maggiorato la cui maggiore “presa” in acqua garantisce un miglior controllo dell’imbarcazione. La combinazione del “torpedo” più largo con un’elica dal diametro più ampio consente di far planare più facilmente un’imbarcazione pesante e di mantenerla in planata a velocità inferiori. Il drenaggio dell’olio del piede si trova all’interno del “torpedo”, il che agevola ulteriormente il cambio olio. Infine, tutti i modelli SeaPro sono coperti da una garanzia più estesa rispetto ai motori standard e possono contare sulla qualificata rete di assistenza Mercury.

Mercury-SeaPro-40_Pontoon_3

Il Mercury 40 SeaPro, come tutti gli altri modelli di questa offerta, è compatibile con i dispositivi Smartcraft, comprese le funzionalità di gestione dell’autonomia e della velocità e la dotazione comprende il filtro di separazione acqua/carburante, tachimetri SC1000 SystemTach e barra Big Tiller così da offrire un pacchetto completo a chi ne fa un uso professionale.

Ovviamente tutte caratteristiche che si fanno apprezzare anche per un uso diportistico più impegnativo: per esempio un’imbarcazione piuttosto pesante, oppure l’abitudine a navigare con molte attrezzature ed equipaggi numerosi. Con il Mercury 40 SeaPro, non solo la possibilità di trovare una risposta adeguata, ma anche l’opportunità di non avere bisogno della patente.

Leggi la presentazione dei Mercury FourStroke SeaPro da 40 e 60 cv
Manchette-Articolo-Mercury

Notizie correlate

Commenti chiusi

Copyrıght 2020 BoatMag. All Rights Reserved.