Cranchi T53 Eco Trawler, non un semplice restyling ma un nuovo orientamento stilistico

Per quanto una barca possa essere bella o frutto di un progetto di successo, arriva sempre il momento dei cambiamenti e di apportare quelle migliorie per donarle nuovo splendore. Nel caso del Cranchi T53 Eco Trawler non si tratta di uno “svecchiamento”, ma di un nuovo orientamento stilistico preso da Cranchi attraverso il suo designer Christian Grande.

Ma partiamo subito dal test in mare di questa imbarcazione semiplanante – l’antesignana della nuova generazione dei trawler del cantiere italiano – che di classico mantiene tutta l’essenza progettuale e di filosofia di navigazione, ma che per il resto è un concentrato di modernità sia tecnica sia, appunto, estetica.

 Cranchi T53 Eco Trawler 53, il test

La giornata è grigia e il mare una tavola, peccato perché una barca come il Cranchi Eco Trawler 53 Long Distance si esalta in condizioni più difficili, ma anche così offre un perfetto assaggio ci cosa vuol dire navigare in dislocamento a 10 nodi o poco più consumando 34 l/h. Onore al merito e all’efficienza dei due Volvo Penta IPS 600, ma anche alla scelta filosofica del trawler, che consiglia un modo diverso di vivere il mare, certamente più rilassante, economico ed ecologico. Consiglia ma non impone, perché se si ha fretta basta spingere un po’ sulle manette ed eccoci navigare a 22 nodi (22,6 per la precisione) anche se i consumi crescono di un bel po’, allineandosi a quelli di un qualsiasi altro motoryacht delle stesse dimensioni. Si può allora optare per il giusto compromesso, attestarsi al limite della planata a 12 nodi, 2450 giri e un consumo di 60 l/h, ovviamente con tutte le opzioni intermedie che si desiderano.

È proprio questo il bello del Cranchi Eco Trawler 53 Long Distance: la versatilità. Scegliere se si vuole navigare tranquilli o stringere i tempi, poterlo fare con qualsiasi tipo di mare e in tutto l’arco dell’anno, perché i suoi spazi aperti sono generosi d’estate così come gli ambienti chiusi sono accoglienti d’inverno. Quanto poi alla carena, nel precedente test il mare (leggi qui) era mosso e si era comportata benissimo, adesso la lancio sulle onde create dalla nostra scia, se vogliamo anche più insidiose perché più corte e secche, e la sensazione è la stessa: un passaggio sicuro, senza colpi e scricchiolii della struttura, ma non ne sono sorpreso. Come dicevo prima, con un Cranchi è la norma.

Cranchi T53 Eco Trawler, the new generation

Se questa versione segnerà lo sviluppo di tutta la  gamma degli Eco Trawler, a giudicare dal primo impatto, c’è da stare tranquilli. Chi, come me, aveva apprezzato l’opera prima, qui ritrova gli stessi concetti confermati e ulteriormente sviluppati. È sempre difficile migliorare un prodotto di successo e spesso si cade nell’errore di cambiare pochissimo per non sbagliare. Christian Grande ha invece rivisto molti particolari, pur rispettando la personalità del Cranchi Eco Trawler 53 Long Distance che ne aveva decretato il successo. In linea più generale subentra anche il concetto di offrire diverse soluzioni di accostamento fra legni e tessuti, per dare a ogni armatore la possibilità di scegliere quello di proprio gradimento mantenendo una coerenza decorativa in tutta la barca.

I tanti
cambiamenti
non stravolgono
il progetto
della barca,
ma  
sono
comunque
interventi
incisivi
che ne
accrescono
il fascino

  • Tanti piccoli ma fondamentali accorgimenti, come il profilo di teak sulla battagliola o le nuove tende che sostituiscono le veneziane precedenti, (ma potrei citare anche il bimini a prua, la passerella a scomparsa, la plancetta basculante) che denotano una cura del particolare ulteriormente sviluppata, ma soprattutto la volontà di continuare a sviluppare con una chiave di lettura personale il concetto di trawler. Quindi mobili interni laccati e tinte chiare a dare di più luce e “solarità” agli interni (messi a dura prova da una giornata piuttosto grigia), rifuggendo quindi le ambientazioni cupe e con essenze scure a cui ci hanno abituato i trawler più tradizionali.

 

  • Barche “ognitempo” ma con tanto spazio all’aperto, questo è il segreto dei nuovi trawler e il Cranchi T53 Eco Trawler non fa eccezione, anzi ne è stato uno degli antesignani. Infilo quindi la scala (comoda) di salita al fly per vedere quello che promette essere il ponte principale nelle giornate estive. Il mobile cucina ha una nuova posizione a dritta subito di fronte alla scala, in posizione più defilata e con una bella ribaltina color legno, oltre alla classica dotazione. La dinette è quasi di fronte mentre, a poppavia della colonnina centrale dalla struttura tubolare, il fly è tutto sgombro, le due sedie sdraio lasciano intuire una possibilità di utilizzo, ma anche il tender troverebbe facile collocazione. Certamente per il solarium basta quello a pruavia della plancia, con quest’ultima particolarmente ben accessoriata, ma sulle barche demo si sa che sugli optional non si lesina. I pannelli solari inseriti nella propaggine prodiera li trovo ancora al loro posto, la sigla Eco è rispettata.

 

  • Ridiscendo sul ponte principale, per considerare che tutto sommato è molto accogliente anche la dinette in pozzetto, oltretutto servita dalla cucina baricentrica con il quadrato e aperta grazie alla porta in più elementi scorrevoli e basculabili. Della plancetta che si immerge abbiamo già detto e quindi dal comodo passavanti, identico a sinistra come a dritta, raggiungo la zona prodiera. Non c’è il bimini che la correda (del resto la giornata non lo richiede) ma intuisco che sarà un accessorio molto gettonato nelle giornate estive, perché l’articolazione della zona con divanetto e solarium, luci e hifi, promettono di offrire un’ospitalità molto apprezzabile. Da qui anche l’accesso alla cabina del marinaio, utile anche per un amico dell’ultimo momento.

  

  • Poche le modifiche nel layout, ma tante quelle nelle soluzioni d’arredo, con nuovi materiali e colori più chiari per contribuire a dare ancora più luminosità agli interni. Obiettivo centrato a giudicare da quanto posso verificare in una giornata che più uggiosa non potrebbe essere, eppure anche con questo meteo la luce in quadrato è tanta anche senza bisogno di ricorrere a quella artificiale, che è ovviamente a led. Potrà lasciare perplessi la porta laterale non corrispondente alla plancia di comando, ma a sinistra e a metà quadrato. Una scelta che mi sento di condividere: con il joystick in pozzetto per le manovre, viene infatti a perdere la sua funzione operativa e così è più fruibile da tutti gli ospiti. Per il driver invece la seduta è singola e “comodosa” in maniera persino eccessiva, mentre la plancia è fin troppo semplice nel design ma razionale nella collocazione degli strumenti.

  • Sottocoperta il modello in prova è dotato di tre cabine con due bagni, ma volendo a quella con le due cuccette singole può essere sostituito un living sulla cui utilità nutro qualche dubbio. Meglio due posti letto in più, con un unico bagno con box doccia separato da dividere con la cabina vip di prua, incredibilmente spaziosa e luminosa grazie alle due ampie finestre ricavate sull’opera morta. Ma il bello deve ancora venire con la cabina armatoriale a centro barca, dove l’impiego delle Volvo IPS ha permesso di garantire una volumetria che definire generosa è ancora essere riduttivi. Il letto matrimoniale è addossato a dritta, con i locali di servizio (bagno e cabina armadio) a creare una separazione con il vano motori, anche se conoscendo il cantiere siamo certi che la coibentazione sarà già più che efficiente.

  

  • La tonalità dei nuovi materiali è più scura rispetto a quella del ponte superiore, ma questo non diminuisce la sensazione di luminosità già apprezzata in precedenza, sicuramente merito della curata illuminazione di ogni ambiente e della generosa dotazione di aperture sulle fiancate. Quanto alla qualità dei materiali e della loro lavorazione è doveroso citare per l’ennesima volta l’alto livello raggiunto dal cantiere Cranchi, a costo di sembrare ripetitivi.

I numeri del Cranchi T53 Eco Trawler

  • Lunghezza ft …………………… m 17,00
  • Lunghezza scafo ……………… m 15,00
  • Larghezza ……………………… m 4,95
  • Immersione ……………………… m 1,06
  • Dislocamento …………………… kg 18.200
  • Motorizzazione ………………… Volvo Penta IPS 600 2×435 cv
  • Serbatoio carburante …………… l 2.800
  • Serbatoio acqua ………………… l 810
  • Cabine …………………………… 3
  • Cabine equipaggio ……………… 1
  • Posti letto ……………………… 7 + 1
  • Omologazione CE ……………… B

Prestazioni

  • 1000 giri ……………… 5,7 nodi ………… 5,5 l/h ……… 52 db*
  • 1500 giri ……………… 7,5 nodi ………… 12 l/h ……… 57 db*
  • 2000 giri ……………… 10 nodi ………… 34 l/h ……… 57 db*
  • 2500 giri ……………… 12 nodi ………… 64 l/h ……… 62 db*
  • 3000 giri ……………… 15 nodi ………… 116 l/h ……… 64 db*
  • 3500 giri ……………… 22 nodi ………… 165 l/h ……… 67 db*

*misurazione effettuata in quadrato con le porte chiuse

Condizioni della prova

  • Mare calmo, temperatura 16°C, carena pulita, carburante 1500 l, acqua 400 l, equipaggio 2 persone

Prezzo (Iva esclusa)

  • Volvo Penta IPS 600 2×435 cv ………………… 774.180 euro

Cerca il concessionario Cranchi

Lombardia

COMO BOAT SERVICE S.a.s.
Fino Mornasco (Co)
Tel. 031 920033
comoboatservice@tiscalinet.it

CANTIERE DEL LAGO D’ISEO BELLINI Srl
Clusane d’Iseo (Bs)
Tel. 030 9829170
info@nautica-bellini.it

MONIGA PORTO NAUTICA
Moniga del Garda (Bs)
Tel. 0365 671022
info@monigaporto.it

PAGLIARINI INTERNATIONAL BOATS Srl
Cremona
Tel. 0372 432548
info@pagliarini.it

Piemonte

LUSSO NAUTICA Srl
Base Nautica: Marina di Varazze (Sv)
Tel. 019 9399059
nautica@lussonautica.it

ALL SCAF
Dormelletto (No)
Tel. 0322 498150
allscaf@allscaf.it

Liguria

PAGLIARINI INTERNATIONAL BOATS Srl 
Porto Mirabello – La Spezia
Tel. e Fax 0187 738025
info@pagliarini.it

LUSSO NAUTICA Srl
Marina di Varazze (Sv)
Tel. 019 9399059
nautica@lussonautica.it

CANTIERI SAN LORENZO AL MARE MCS
San Lorenzo al Mare (Im)
Tel/Fax: 0183 91912
direzione@sanlorenzoalmarecantieri.it

Veneto

BIONDI
Casale sul Sile (TV)
Tel: 0422 670120
info@nautica-biondi.it

Friuli Venezia Giulia

CENTRO NAUTICO LIGNANO
Latisana – Loc. Picchi (UD)
Tel: 0431 53363
vendite@centronauticolignano.com

Emilia Romagna

NAUTICA MEGLIOLI Srl
Modena
(a 100 m dallo svincolo A1 Modena Nord)
Tel. 059 822720
info@meglioli.it

RIMINI SERVICE YACHT & SAIL Srl
Rimini
Cell. 335 1626600
info@riminiserviceyacht.it

Marche

GIRAMONDO NAUTICA Srl 
Gabicce Mare (Pu)
Tel. 0541 950468
info@giramondonautica.com

Molise

MARINUCCI YACHTING Srl
Termoli (CB)
Tel. 0875 702238
nautica@myc.it

Toscana

ARCAN Srl
Porto Santo Stefano
Monte Argentario (Gr)
Tel. 0564 818310
info@arcanyachts.com

CALA DE’ MEDICI CANTIERE
Rosignano Solvay (LI)
Tel: 0586 799767
mazzieri@calademedicicantiere.net

Lazio

ALIMAR Srl
Fiumicino (Rm)
Tel. 06 6582868
info@alimar.it

BASE NAUTICA Srl
Latina
Tel. 0773 250411
info@basenautica.it

Campania

NAUTICA SUD Srl
Castellammare di Stabia (Na)
Tel. 081 8717166
info@nauticasud.it
fabio.celotto@nauticasud.it

Puglia/Basilicata

CENTRO NAUTICO IDEA VERDE Srl
Mesagne (Br)
Tel./Fax 0831 738637
info@nauticaideaverde.it

Calabria

NS NAUTICARAVANS
Vadue di Carolei (Cs)
Tel. 0984 624398
info@nsnauticaravans.com

Sicilia

NAUTICA AZZURRA Srl
Brolo (Me)
Tel. 0941 561033
Ufficio di Portorosa:
Tel: 0941 874831
info@nauticaazzurra.com

ORAM Srl 
Catania
Tel. 095 7122383
info@nauticaoram.it

Sardegna

PAGLIARINI INTERNATIONAL BOATS Srl
WAKE’S Srl – c/o DAVIDE GESSA
Olbia (Ot)
Tel. 0789 599104
davidegessa@drydock.it

 

Manchette-Newsletter-BoatMag

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2018 BoatMag. All Rights Reserved.