Il nuovo corso di Isa Yachts si declina in tre linee di superyacht

Classic 50, GT 67, Sport 120 con queste tre gamme Isa Yachts entra in una nuova era, grazie alla collaborazione di progettisti di fama internazionale.

Reinterpretare stilemi e DNA del brand, questo l’obiettivo del nuovo corso di Isa Yachts che punta a rafforzare la propria identità grazie alle competenze di top designer, unite a cinquant’anni di esperienza nell’ambito della costruzione e del refitting. Il nuovo corso del cantiere si svilupperà su una gamma totalmente ridisegnata, a cominciare dalla rivisitazione di tre linee curata da Team for Design – Enrico Gobbi: Isa Sport, Isa Classic e ISA GT.

Lo stile di Isa Yacht
viene rivisitato
per rafforzarne l’appeal

Tratti stilistici e design rendono i modelli Isa Yachts inconfondibili: il grande arco che traccia una sorta di connessione tra pozzetto e sovrastruttura, la continuità delle scalinate di poppa fino al flybridge, le ampie vetrate laterali, così come dettagli ispirati al mondo automotive, ne sono il più evidente esempio.

Isa Yachts Sport 120, l’evoluzione “dell’entry level”

Questo modello nasce come evoluzione del precedente 37 metri “entry level” del marchio, già realizzato in 11 esemplari, il più recente dei quali verrà varato nel cantiere di Ancona il prossimo mese di giugno. Gli stilemi identificativi del marchio sono enfatizzati da una veste rinnovata e ancora più funzionale: le tipiche curve sono ora maggiormente rastremate, mentre l’uso di vetri e aperture laterali è enfatizzato nel pozzetto, nelle vetrate del salone, lunghe tre metri e dotate di porta sui camminamenti, e nelle finestrature laterali che regalano una grande vista al salone e alla suite armatoriale. L’estensione dello specchio di poppa aumenta lo spazio vivibile nel pozzetto, mentre le caratteristiche scalinate curve salgono dal pozzetto fino al semifly.
La prima proposta dei designer prevede, all’interno, la combinazione di elementi contemporanei, come l’uso di essenze di legno dalle tinte chiare abbinate a elementi in alluminio spazzolato, abbinate a pregiati tessuti e pelli cucite a mano. L’utilizzo dell’illuminazione indiretta crea scenografici effetti negli ambienti.

Isa Yachts Classic 50, il primo dei tre ponti

Il nuovo 50 metri a tre ponti inaugura la Classic Line. Come spiega Enrico Gobbi: “Isa Yachts 50 Classic è uno yacht performante ma elegante, con linee slanciate e un profilo ben bilanciato grazie al tipico ampio arco che connette il pozzetto di poppa alla sovrastruttura. Superfici vetrate ininterrotte ne caratterizzano il profilo, permettendo di avere una bella visuale verso l’esterno e inondare di luce naturale gli interni. Le vetrate hanno forme sinuose e sono sottolineate da curve tese, disegnate con lo scopo di rendere le linee ancora più filanti”.

La suite armatoriale gode di una vista panoramica a tutta altezza, grazie all’apertura nello scafo, mentre una seconda apertura offre la stessa continuità fra interni ed esterni in corrispondenza del salone sullo stesso livello. Gli spazi conviviali all’aperto si sviluppano su tre livelli: il pozzetto, il ponte principale, con una lounge e diverse sedute, la parte a poppa del ponte superiore, con un’ampia zona relax e un tavolo per cenare all’esterno, e infine la parte anteriore del ponte principale, con divani panoramici e una jacuzzi integrata nella sovrastruttura. Inoltre, Isa Classic offre un flybridge lungo ben 17 metri, in parte riparato dalla struttura del rollbar, con i lati in vetro trasparente che caratterizzano tutti i modelli del nuovo corso Isa Yachts.

Come tutti i modelli Isa Yachts, gli interni possono essere completamente personalizzati: la proposta originale prevede giochi di tonalità chiare e scure ed effetti di luce per un’atmosfera contemporanea. Le essenze di noce canaletto e lime wood con finitura opaca si combinano con dettagli lucidi, tessuti italiani e pelle cucita a mano.

Isa Yachts GT 67, l’erede

Eccolo il modello che si appresta a raccogliere l’eredità del GT 66, rispetto al quale guadagna un metro e conferma le stesse prerogative degli altri due modelli. Il primo yacht sarà varato nel 2019.
“Abbiamo rivisitato gli stilemi tipici di ISA Yachts dando loro un appeal ancora più forte – precisa Enrico Gobbi -, evidente nel grande arco che connette il pozzetto alla sovrastruttura e che integra le prese d’aria richiamando il look di un’auto sportiva. Il disegno di ISA GT 67 presenta un esterno pulito e proporzionato, con linee tese e una silhouette slanciata. Il volume della sovrastruttura è stato spostato verso poppa di proposito, in modo da richiamare il lungo cofano anteriore delle vetture granturismo”.

Grandi vetrate regalano una vista a tutta altezza ai saloni sui ponti principale e superiore e alla suite armatoriale. Il dettaglio che cattura maggiormente l’attenzione è la poppa, con una caratteristica forma a U sottolineata da un grande elemento in vetro trasparente, al cui interno si trova una piscina di grandi dimensioni. Non manca una piattaforma per l’atterraggio di un elicottero e una “glass house” sul sundeck, dedicata alla palestra nel progetto originale, ma che può essere personalizzata diversamente in base alle esigenze dell’armatore.

L’interno offre spazio per 10 ospiti in quattro cabine più una vip panoramica, cui si aggiunge la suite armatoriale a centro nave dotata di terrazza privata. Nel concept, lo stile degli ambienti è contemporaneo, con un equilibrio fra elementi come il legno wengé lucido, usato per diversi elementi custom di arredamento, e altri più morbidi come il legno di acero color avorio. Ancora, il sapiente uso del marmo e dell’alluminio spazzolato creano un elegante e moderno contrasto fra toni chiari e scuri.

 

Manchette-Newsletter-BoatMag

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2020 BoatMag. All Rights Reserved.