Grande successo del 1° Trofeo Piccaluga Memorial Davide Julita nel suo ricordo

Si è disputato sulle acque del Lago Maggiore a Ranco il 1° Trofeo Piccaliga Memorial Davide Julita con una grande partecipazione di equipaggi e nel suo commosso ricordo.

Si è dovuto aspettare il vento per dare la regolare partenza alle 52 barche a vela iscritte (suddivise in 11 classi), ma il via ha potuto essere dato proprio 10 minuti prima del termine ultimo fissato dalla Giuria quando, all’improvviso, si è levato il Maggiore, il vento locale tanto atteso dai concorrenti.

 

1° Trofeo Piccaliga-Memorial Davide Julita, regata e non solo

Se la regata è stata competitiva e ben organizzata da Massimiliano Barbarossa, titolare della Scuola di Vela Tommy Sail di Milano, la cerimonia di premiazione svoltasi presso il Cantiere Nautico F.lli Piccaluga di Sesto Calende, di cui Davide era valente socio, ha avuto un forte impatto emotivo per l’intensità del messaggio trasmesso ai presenti.

Federica Piccaluga, moglie di Davide, ha commosso i regatanti e gli invitati, esordendo con: “Questa non è una festa ma un momento in ricordo di Davide”, del quale ha sottolineato le “grandi qualità personali e imprenditoriali e l’eroico coraggio nell’affrontare un avversario rivelatosi poi imbattibile”. Toccanti alcuni passaggi, con cui dopo il ringraziamento ai parenti e a tutti i presenti, Federica Piccaluga ha evidenziato il ruolo fondamentale dei medici e la forza dell’amicizia vera su cui Davide, definito “eroe e protagonista della giornata”, ha potuto contare. Molti anche i ringraziamenti alle persone che, a vario titolo, hanno sostenuto, assistito e curato Davide Julita. Numerose le autorità presenti al 1° Trofeo Piccaliga Memorial Davide Julita, fra sindaci e assessori dei comuni del territorio, alcuni dei quali si sono resi disponibili alla consegna dei premi.

Il 1° Trofeo Piccaliga-Memorial Davide Julita è stato vinto dall’equipaggio di “Lady Nadi” del Circolo DV84 con al timone Lionello Moretti; seconda classificata “Alice” della LNI di Arona con skipper Marco Liberati, che ha preceduto il J80 “Mary Star of the Sea”, sempre della LNI di Arona, con al timone Bram Renier. La cerimonia si è conclusa con un fragoroso applauso per Davide e un arrivederci al prossimo anno.

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2019 BoatMag. All Rights Reserved.