Novità 2019: il fuoribordo Yamaha F375 XTO riempie un’altra nicchia

 

Dopo il 425 cv, il fuoribordo di grande serie più potente sul mercato, arriva un altro motore che mancava: lo Yamaha F375 XTO debutta a Düsseldorf con la stessa tecnologia del fratello maggiore.

Otto cilindri a V, 5600cc, iniezione diretta, sistema di alimentazione integrato, sterzatura completamente elettrica: sono alcune delle prerogative del nuovo fuoribordo Yamaha F375 XTO, che ha appena debuttato al Boot di Düsseldorf e si inserisce in una fascia di potenza non consueta, dato che la concorrenza predilige le cifre “tonde” come 350 o 400 cavalli.

Tanta tecnologia, anche dall’automotive

Il sistema di iniezione diretta, tipico di tutti i motori diesel e di molti a benzina sulle auto, è in questo settore una peculiarità Yamaha. L’iniezione ad alta pressione direttamente nella camera di combustione migliora notevolmente l’atomizzazione del carburante e ne ottimizza l’utilizzo per la massima potenza ed efficienza. Il sistema dispone di cinque pompe per il carburante e genera una pressione di iniezione fino a 200 bar. Il sistema di pressione a tre stadi comprende anche due pompe del carburante indipendenti che si attivano a livelli di giri/min specifici e che sono contenute all’interno del serbatoio separatore dei vapori (VST). Questo assicura un flusso di carburante e un’erogazione costante e precisa, anche ai regimi più elevati.

La funzione di scarico In-Bank del nuovo Yamaha F375 XTO fornisce un percorso diretto per il gas verso l’unità inferiore e all’esterno attraverso il centro del perno dell’elica, migliorandone il flusso: e uno scarico più agevole significa anche un’efficienza di combustione ottimizzata, e di conseguenza una maggiore potenza a parità di consumo.

L’F375 XTO dispone di una pompa dell’acqua a due stadi unica e una pompa dell’olio con camera doppia, ciascuna progettata per un funzionamento costante, adatto a un elevato numero di giri. La pompa dell’acqua è dotata di una girante in gomma per l’alta pressione, insieme a un girante in acciaio: le due forniscono un flusso dell’acqua di raffreddamento a volume elevato e un controllo accurato della temperatura a tutti i regimi, anche nelle condizioni estreme.

Oltre a un attento studio sulla resistenza di parti quali scatola degli ingranaggi, ingranaggi stessi, piastra di fissaggio e supporti motore, il nuovo Yamaha dispone di una tecnologia di fusione al plasma per le canne dei cilindri, che significa meno ingombro e maggiore durata.

La micro-struttura della superficie è infatti più resistente del 60% rispetto all’acciaio e molto più leggera, consentendo di migliorare la capacità del motore senza aumentarne le dimensioni. Il minore attrito superficiale consente inoltre di ottimizzare il risparmio di carburante.

“Il sistema sterzante elettrico si

combina con la tecnologia Yamaha

denominata Helm Master che comprende

le funzioni di ormeggio tramite joystick

Il motore è dotato di doppio albero a camme in testa per ogni bancata, azionati da una catena autoregolante immersa in bagno d’olio. Per prolungare la durata delle valvole, queste ultime sono rivestite di carbonio: ciò garantisce un funzionamento silenzioso e preciso.

Un altro primato è il sistema sterzante elettrico completamente integrato. Anche in questo caso si tratta di una tecnologia già molto diffusa sulle automobili, in quanto consente di risparmiare peso e carburante rispetto a un tradizionale sistema idraulico. Il sistema risponde poi in modo più rapido e fluido rispetto ai sistemi convenzionali, e permette un montaggio pulito e ordinato. La nuova soluzione di controllo è pensata per combinare lo Yamaha F375 XTO con il sistema di controllo completamente integrato Helm Master, studiato dalla casa dei tre diapason per imbarcazioni di ultima generazione, che comprende le funzioni di ormeggio controllate da joystick e un display a colori CL7.

Le nuove eliche Yamaha XTO OS sono realizzate per valorizzare la grande coppia di questo motore: una inedita forma delle pale a grande superficie produce più spinta sia in marcia avanti sia retromarcia, con diametri compresi tra 16 e 17⅛ pollici.

Grazie al nuovo sistema di sfiato del gas di scarico, queste eliche hanno un ulteriore vantaggio: quando ci si sposta in retromarcia, lavorano in acqua pulita, generando una spinta tre volte superiore rispetto a quella sviluppata dallo stesso Yamaha F350.

Fra le ultime caratteristiche dell’F375 citiamo la possibilità di cambiare l’olio della scatola degli ingranaggi con la barca in acqua, e il notevole valore di 90 Amps di potenza lorda dell’alternatore.

Il nuovo Yamaha F375 XTO sarà disponibile sul mercato in autunno nel classico grigio della Casa giapponese.

Guarda una prova estrema con tre Yamaha da 425 CV

Il fuoribordo più potente in assoluto: 627 cavalli!

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2019 BoatMag. All Rights Reserved.