Oromarine S13 Coupé, tanta velocità per un natantone che punta a comode crociere

L’Oromarine S13 Coupé è l’evoluzione crocieristica di un gommone di successo dell’omonimo cantiere partenopeo. Ha una nuova cabina più ampia e completamente allestita per soggiorni prolungati nel tempo. E sa anche regalare enormi velocità ma senza consumi eccessivi.

L’idea di mettere in progettazione la serie Coupé è venuta nel 2018 ad Alessandro Orefice, timoniere del Cantiere Oromarine. Erano da poco state presentate le versioni S11 e S13 ma Orefice si rese conto di quanto fosse importante, per chi pratica il campeggio nautico, poter disporre di una cabina più ampia di quella proposta dalla versione S13, che era piuttosto sacrificata nel vano sotto la consolle di comando e con l’eventuale Wc in bella vista.

Il titolare di Oromarine voleva qualcosa di più elegante e sfizioso e, detto fatto, l’idea si trasformò in progetto, poi in prototipo e sei mesi dopo, al Nauticsud di febbraio 2019, venne esposto in anteprima assoluta il modello S13 in versione Coupé che andò, tra l’altro, a sostituire il modello precedente.

Ecco che l’ammiraglia del cantiere Oromarine diventa un gommone ancora più orientato alla crociera con una cabina più abitabile e con i suoi 12,45 metri di lunghezza fuoritutto che comunque non lo fanno sconfinare nella categoria delle imbarcazioni, perché con la sua carena di 9,99 metri rimane nell’ambito dei natanti che, per la legge italiana, non richiede l’immatricolazione e gli altri oneri delle barche registrate.

Oromarine S13 Coupé, a 47 nodi e senza la motorizzazione massima

L’Oromarine S13 Coupé è un battello che può montare una motorizzazione fino a 900 cavalli che, nel caso specifico, possono essere erogati da due o da tre motori fuoribordo oppure, in alternativa, anche da due propulsori entrofuoribordo.

Io l’ho provato nel Golfo di Napoli con due fuoribordo da 300 cavalli Evinrude G2 imbullonati sul bracket di supporto (opzionale), con eliche di passo 22” a quattro pale. In console ho disponibile l’iDock, il joystick intuitivo sempre estremamente comodo per entrare e uscire facilmente dall’ormeggio in porto.

Le condizioni sono ottime, è primavera, c’è il sole anche se turbato da una lieve brezza che però non incide sulle condizioni del mare, che risulta calmo e che mi consentirà di osare. Perché quando si parla di misure come questa con 600 cavalli a poppa il termine giusto è osare, per andare a cercare i punti deboli in navigazione.

A bordo siamo in due, usciamo dal porto con 50 litri di acqua e ben 480 litri di combustibile nei rispettivi serbatoi. Alla guida apprezzo subito l’ergonomia del volante, brandeggiabile comodamente, così come il posizionamento dei monoleva. Allaccio lo stacco di sicurezza e inizio il test.

Primo rilevamento che faccio è quanto tempo occorre per entrare in planata. Arresto i motori, metto giù i trim poi 3 – 2 – 1 e giù tutto. Stoppo il cronometro dopo 3 secondi, quanti ne occorrono perché il battello raggiunga l’assetto voluto.

A questo punto riparto e progressivamente, con i trim tutti sotto, aumento la potenza. A 3.000 giri si scivola via a 16 nodi, a 4.000 a 25 nodi, a 5.000 a 37 nodi e a 5.700 giri il Gps indica 44 nodi. Ma abbiamo il trim tutto sotto e mancano ancora 300 giri, allora porto gradualmente il trim fino al 60% della corsa totale in positivo e raggiungo così i 6.000 giri per arrivare alla punta massima di 47 nodi, e mi domando: chissà cosa si otterrebbe se avessimo montato il terzo motore con i trecento cavalli che ci mancano all’appello per raggiungere la potenza massima installabile…

Molto interessanti sono anche i consumi, che i motori Evinrude G2 contengono molto bene. Considerate che a 3.000 giri si consumano complessivamente 41 litri/h, a 4.000 giri (25 nodi) se ne consumano 72 totali, 84 litri a 30 nodi e solo quando si va oltre i 5.500 giri si arriva a consumare 185 litri totali.

Considerando che l’Oromarine S13 Coupé è un battello che mantiene l’assetto planato fino a 15 nodi, possiamo tranquillamente asserire che per una crociera tranquilla, navigando a una velocità di 30 nodi a 4.500 giri, si possono consumare 84 litri/ora. Non male!

E il comportamento? Al di la’ della grande sicurezza che infonde, anche per la sua massa, questo gommone fa divertire gli smanettoni con grande comfort e stabilità a tutte le andature. Anche in virata stretta, che si può percorrere a 44 nodi, la risposta è buona nella tenuta e nella traiettoria, dove non si registrano scodate. Ottimo anche il lavoro svolto dal parabrezza deflettore, che porta via l’aria dal pilota, proteggendolo. 

Oromarine S13 Coupé, tutto il comfort di una barca da crociera

Ho già detto che il progetto dell’Oromarine S13 Coupé è nato per ampliare le possibilità di pernottamento a bordo rispetto alla versione “non Coupé” e in effetti con la ri-stilizzazione della console di guida, che tra l’altro ora è anche più accattivante rispetto a prima, si è recuperato spazio interno a sufficienza per creare non solo un letto matrimoniale ottenibile con l’inserto di piani di completamento e cuscini al centro, ma anche un locale toilette separato, con Wc marino e lavello in vetro.

Oltretutto, per chi ama trascorrere le vacanze in gommone, il cantiere propone anche una seconda soluzione a poppa di questo Oromarine S13 Coupé fuoribordo: le dimensioni di quello che era il vano per i motori entrofuoribordo possono rendersi fruibili anche per realizzare una seconda cabina.

Altra modifica rispetto alla versione precedente è l’ampliamento verso prua della console, con eliminazione del camminamento che la divideva dall’area prendisole. Quest’ultimo è sempre fisso e bello ampio (circa 3,5 mq) e nella parte sottostante propone i gavoni, sia per il verricello elettrico, che per dotazioni e bagagli.

Il secondo prendisole è a poppa, anch’esso fisso e a copertura della grande cala (circa 3mq), comodamente utilizzabile anche in navigazione. Due gavoncini si estendono a proravia e diventano sedute supplementari a completamento di un salotto di cui fa già parte un divano fisso a baglio, al centro del quale si può posizionare il tavolo per lunch.

La seduta del pilota, poco più avanti, include posteriormente di serie un lavello celato sotto un ripiano, a cui si possono aggiungere opzionalmente i fuochi e un frigorifero per creare un angolo cottura completo, ed in basso un divanetto a scomparsa a parete.

Tre i posti a sedere in postazione guida. Uno centrale più sporgente per il pilota e due più stretti, tuttI impiegabili anche come appoggio lombare, oltre al corposo triplice schienale sagomato. La console, lato pilota, si sviluppa in larghezza e ha forme sinuose, con piani verticali su cui incassare tutta la strumentazione bene in vista.

Ad arricchimento del battello, si può adottare il rivestimento in teak massello al posto del normale Iroko, sia per il piano di calpestio sia per la plancetta di prua e la plancia poppiera, gli inserti metallizzati per console e seduta, il T-Top con possibile tenda elettrica incorporata, il tendalino parasole a scomparsa a fianco del prendisole poppiero, i tubolari in Total Carbon look, le tappezzerie Luxury e a poppa, in sostituzione della piattaforma con plancette incorporate, si può avere la pedana idraulica per salire e scendere comodamente in/da acqua (ma solo se si adotta la motorizzazione efb). 


I numeri dell’Oromarine S13 Coupé


Scheda Tecnica

Lunghezza ft
12,45 m

Lunghezza omologazione
9,99 m

Larghezza ft
3,75 m

Larghezza omologazione
3,00 m

Diametro tubolari
0,60 m

Dislocamento senza motore
2.200 kg

Motorizzazione in prova
2×300 cv

Motorizzazione massima
3×300 cv

Portata persone
16

Serbatoio carburante
510 l

Serbatoio acqua
210 l

Bagno
di serie

Omologazione Ce
B

Progetto
Cantiere


I dati della prova

1.000 giri
6 nodi …………… 5,5 l/h

1.500 giri
8 nodi …………… 12 l/h

2.000 giri
11 nodi …………… 32 l/h

2.500 giri
13 nodi …………… 35 l/h 

2.800 giri
limite planata
15 nodi …………… 39 l/h

3.000 giri
16 nodi …………… 41 l/h

3.500 giri
18 nodi …………… 43 l/h

4.000 giri
25 nodi …………… 72 l/h

4.500 giri
30 nodi …………… 84 l/h

5.000 giri
37 nodi …………… 115 l/h

5.700 giri
44 nodi …………… 185 l/h

6.000 giri
con trim al 60%
47 nodi …………… 185 l/h


Condizioni della prova

Mare calmo, lieve brezza, sole, carena leggermente sporca, carburante 480 l, acqua 50 l, equipaggio 2 persone


Prezzo

Solo scafo e con dotazioni standard
150.000 euro
Iva esclusa


Leggi anche la nostra prova dell’Oromarine S11 Coupé


Scopri tutta la gamma dei gommoni Oromarine sul sito del cantiere


Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2020 BoatMag. All Rights Reserved.