Pardo GT75 nelle versioni Beach e Tender Garage.

Pardo GT75, il crossover di 23 metri “multi esperenziale”

Il Pardo GT75 è una delle novità 2023 presto in arrivo da Pardo Yachts ed è un crossover di 23 metri che accentra su di sé le peculiarità dei walkaround open e quelle delle navette Endurance del cantiere forlivese. In più è disponibile in una vasta scelta di versioni, che portano a vivere la barca in esperienze diverse.

La gamma GT di Pardo Yachts, progettata in collaborazione con il cantiere da Nauta Design per gli interni e gli esterni e da Zuccheri Design per le linee d’acqua, nasce proprio per unire in un solo tipo di barca le caratteristiche di due tipologie decisamente agli antipodi: quella degli express cruiser, spesso usati anche solo come open veloci per il diporto giornaliero nonostante la disponibilità di cabine per pernottare, e le navette destinate alle lunghe navigazioni.

Il risultato finale mette in evidenza quell’aspetto snello, filante, e comunque identificativo in tutto nel look di Pardo Yachts, che prende lo scafo con la tipica prua rovescia nato con gli open walkaround, e una sovrastruttura leggera alla vista, con il parabrezza proteso in avanti introdotta con la gamma di navette Endurance.

Pardo GT75, render profilo esterno.

Un crossover, insomma, che se nel suo significato letterale indica proprio un “miscuglio di generi”, nel caso del Pardo GT75 si potrebbe estendere per rappresentare anche la sua grande versatilità.

Questo motoryacht di 23 metri, infatti, è disponibile in due versioni del ponte di coperta e in quattro per i layout interni. E quattro sono anche le possibilità di scelta dei motori.

‘Tender Garage’ e ‘Beach’, le due versioni che cambiano il modo di vivere il pozzetto e non solo

Anzitutto subito un focus sulla sezione poppiera esterna della barca, che mette in luce una grande particolarità.

Quest’area, infatti si articola su due livelli che, a seconda della versione scelta, possono dare luogo a due pozzetti arredati (versione Tender Garage) oppure a un pozzetto con, ai piedi, un’area totalmente libera (versione Beach).

Pardo GT75, render vista esterna dall'alto.

Tender Garage, la versione per chi non rinuncia al prendisole poppiero e non vuole il pram a vista

La versione Tender Garage è quella più o meno classica, che vede un enorme prendisole al centro del pozzetto più in basso, sotto cui si nasconde un garage per il tender.

I due corridoi a lato del prendisole, oltre a essere in collegamento diretto senza barriere con la plancetta poppiera, possono anche essere estesi per mezzo delle murate abbattibili.

Beach, la versione del Pardo GT75 con un’enorme spiaggia a filo d’acqua

L’altra versione, molto più interessante e innovativa, è la Beach, che lascia la sezione centrale del pozzetto basso completamente libera e perfettamente allineata alla plancetta poppiera, per ottenere un’immensa spiaggia privata direttamente affacciata sul mare.

I divani, che di certo non possono mancare, a questo punto sono posizionati ai lati, con la particolarità che una volta abbattute le murate, gli schienali si allineano alla seduta e diventano una superficie su cui potersi sdraiare, trasformando così i divani in due estesi prendisole sospesi sull’acqua.

In entrambe le versioni, il pozzetto sul ponte principale è collegato da gradini posti sui due lati ed è allestito con un divano a C disposto per baglio.

Anche la cabina armatoriale si può affacciare sul mare

Pardo GT75, layout del ponte inferiore nella versione Beach.
Layout del ponte inferiore nella versione Beach.
Pardo GT75, render disposizione della cabina armatoriale nella versione Beach.
Disposizione della cabina armatoriale nella versione Beach.

La configurazione ‘Beach’ del pozzetto regala un’altra apprezzabile particolarità, soprattutto per l’armatore, visto che proprio la sua suite è a poppa sulla linea di confine con il pozzetto stesso, che essendo totalmente libero, mette i due ambienti in collegamento diretto.

Questo permette all’armatore di avere una terrazza sul mare davanti al suo alloggio con tutti i vantaggi anche in termini di panoramica verso l’esterno.

Pardo GT75, render vista di tre quarti di prua.

Cucina giù o su e fino a quattro cabine: ecco le possibilità di layout del Pardo GT75

Una prerogativa dei layout interni della serie GT di Pardo Yachts è la possibilità di avere la cucina sul ponte principale oppure sul ponte inferiore, da cui parte poi lo sviluppo di altre possibilità di compartimentazione degli interni.

Il Pardo GT75 prevede una suddivisione a due, tre e anche quattro cabine, tutti con tre bagni. Il layout standard è con due cabine, tre bagni, più l’alloggio per l’equipaggio al vertice di prua, indipendentemente che si scelga la cucina sul ponte principale oppure su quello inferiore.

La differenza sul posizionamento della cucina, infatti, determina un cambiamento nella sezione centrale del layout sottocoperta, dove, nel caso della versione Galley-up si avrà un quadrato arredato con due grandi divani a C, di cui uno allestibile a dinette.

Nel caso invece della versione Galley-down, il divano di sinistra lascia spazio, appunto, alla cucina che si articola in un mobile a L e un’isola polifunzionale al centro (immagine sotto).

Pardo GT75, render quadrato sottocoperta nella versione Galley-down.

Stesso avvicendamento avviene sul ponte principale, dove però la cucina si sviluppa su un mobile lineare al posto del divano di dritta.

Altri cambiamenti che si possono notare nel layout standard è, come abbiamo già visto, la disposizione della cabina armatoriale a poppa a seconda che si scelga la versione Garage Tender o Beach.

Nel primo caso si avrà il letto disposto longitudinalmente al centro della cabina, mentre nel secondo caso sarà spostato di lato, per lasciare spazio alla porta d’ingresso che è sulla spiaggia poppiera e favorire anche la vista verso l’esterno attraverso la grande vetrata nello specchio di poppa, che comunque da fuori rimane oscurata.

L’ampia scelta dei motori, tutti Volvo Penta Ips

I 23 metri di lunghezza del Pardo GT75 saranno spinti da tre motori D13 Volvo Penta Ips. La versione standard prevede tre motori da 700 cv Ips900.

A scelta si può salire di potenza con altre tre opzioni disponibili, ovvero: tre motori da 800 cv Ips1050 oppure tre da 900 cv Ips1200 e, infine, tre motori da 1.000 cv Ips1350.

Pardo GT75, motore Volvo Penta D13 con pod Ips.
Il motore Volvo Penta D13 abbinato al pod Ips.

Ricordiamo che il valore numerico accanto alla sigla Ips sta a indicare la potenza che il motore assimila con i pod Ips rispetto alla potenza reale del solo propulsore.


Vuoi saperne di più sull’ultimo arrivato Volvo Penta D13 da 1.000 cv? Clicca qui


Curiosità: guarda anche il video di come sono stati installati quattro Volvo Penta Ips900 su uno yacht di 100 piedi


Pardo GT75, la scheda tecnica

Lunghezza f.t.22,86 m
Larghezza5,99 m
Serbatoi carburante4200 l
Serbatoio acqua1200 l
Motori standard3×700 cv Volvo Penta Ips900
Motori optional3×800 cv Volvo Penta Ips1050
3×900 cv Volvo Penta Ips1200
3×1000 cv Volvo Penta Ips1350
Pardo GT75, vista esterna dall'alto di tre quarti di prua.

Clicca qui per entrare nel sito ufficiale di Pardo Yachts


Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2023 BoatMag. All Rights Reserved.