Sei barche Supersportive provate da BoatMag, lusso e adrenalina a braccetto

Non devono per forza avere motorizzazioni esuberanti, Supersportive lo sono nelle soluzioni di coperta, dove privilegiano gli spazi aperti, ma anche a nodi non si tirano indietro…

Velocissime ed esclusive, una volta le chiamavano “fast commuter” o “offshore cruiser”, oppure “muscle boat” per paragonarle alle potentissime muscle car, le auto tutto cavalli e grinta e alcune barche non erano da meno. In realtà oggi le Supersportive che presentiamo (provate da BoatMag), forse con un’unica eccezione, hanno privilegiato il comfort alle prestazioni, quindi veloci sì ma il giusto. In compenso sono tutte da godere con i loro grandi spazi aperti e, per le più grandi, anche comode cabine. Andiamo a scoprirle in ordine crescente di lunghezza.

Scarab 215 Impulse Wake Edition, una “bomba” di sei metri

La più piccola delle Supersportive, a parte il prezzo un po’ impegnativo per le misure, conquista subito per la qualità delle finiture, l’intelligente allestimento della coperta e, non ultimo, per la coppia di motori Rotax sovralimentati con idrogetto che la trasformano in una vera piccola “bomba”. L’ho pure provata con mare mosso… più divertente di così!

Black Fin Mercury 10 Elegance, con due Verado così…

Potrebbe essere un tranquillo gommone di dieci metri (quindi anche un natante senza omologazione) se non fosse per quei due motori che gli hanno messo a poppa. Con due Mercury Verado 400R non si può non diventare una Supersportiva a pieno titolo, se poi aggiungiamo Active Trim e Joystick Piloting, la prova diventa ancora più divertente. E così è stato: 60 nodi vi bastano?

Revolver 44GT, Supersportiva senza compromessi

Tra tutte è certamente quella più estrema per le scelte progettuali e le soluzioni dell’allestimento, con le due trasmissioni Arneson che richiedono grande perizia anche solo per raggiungere la planata. Poi però è davvero molto divertente, ma senza darle troppa confidenza.

Frauscher 1414 Demon

Frauscher 1414 Demon, l’ammiraglia di nome e di fatto

Il più grande dei Frauscher, “quasi” 14 metri, riesce a unire come pochi sportività e classe, quindi una barca Supersportiva nel look ma anche molto comoda, confortevole e poco importa se le prestazioni non sono da brivido, qui c’è altro da godersi.

Sacs Rebel 47, il maxirib si evolve

I mezzi tubolari laterali gli donano un look da maxirib, ma sono pieni e in realtà segnano la nascita di un nuovo concetto di barca sportiva, anzi Supersportiva, considerando i grandi spazi aperti e le prestazioni. Ma c’è comunque spazio per due comode cabine.

SuperOcean 58, 17 metri di lusso e sportività

SuperOcean 58 by Scanner, la prima barca rigida affidata alla creatività di Montemitro Design, segna un passo importante nella storia del cantiere e apre un nuovo filone progettuale. Per la verità la prova in mare dobbiamo ancora farla, ma la ricca gallery fotografica e il video sono già esaustivi, quantomeno delle soluzioni di allestimento e di design di questa Supersportiva.

 

Manchette-Newsletter-BoatMag

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2019 BoatMag. All Rights Reserved.