Piccolo è bello: Evinrude e Zar Mini siglano una partnership

Leggerezza, prestazioni e bassi costi di gestione sono i punti in comune della partnership ZAR Mini Evinrude: i compatti motori USA equipaggeranno in package i noti battelli in alluminio sotto i 5 metri.

“A marriage made in heaven” è l’espressione anglosassone per definire un connubio particolarmente riuscito. In questo caso la partnership ZAR Mini Evinrude è stata solo annunciata, ma sulla carta sembra avere le caratteristiche giuste per funzionare. Caratteristiche molto simili fra i gommoni ZAR Mini da una parte e i fuoribordo Evinrude dall’altra.

Cinque per quattro

I modelli ZAR Mini sono divisi in cinque gamme di prodotto denominate RIB, RIB PRO, AIR, ALU, FUN e vanno dai 2,40 metri del più piccolo AIR ai 5 metri del più grande dei RIB PRO. Ma ognuna delle cinque gamme presenta diversi modelli, per un totale di circa 45 diversi gommoni. Con sede in terra tedesca, ZAR Mini è specializzata nella costruzione di piccoli battelli pneumatici in alluminio, con l’esperienza e il know-how di ZAR Formenti (dal 1979) e la sicurezza di una linea di prodotti disegnati in Italia e testati in Germania.

I motori Evinrude, con tecnologia avanzata e architettura a due tempi, si caratterizzano per le ottime
prestazioni in rapporto a dimensioni e peso e per i costi di gestione ragionevoli. Dunque la partnership ZAR Mini Evinrude sembrava scontata. In particolare la gamma di motori cosiddetti “Portatili” che va dal modello E3,5 all’E15 sembra la più adatta: quattro versioni di fuoribordo (3.5, 6, 9.8 e 15 cv) che offrono molte caratteristiche in un pacchetto compatto.

Una partnership che va dagli
Stati Uniti alla Germania,
ma anche dal Canada (la BRP
è proprietaria di Evinrude) all’Italia

Dal serbatoio carburante integrato all’elica “flow-through” per una navigazione più silenziosa, questi motori (portatili) hanno accensione CD e sistema di avviamento a regime di minimo accelerato che consentono un avviamento più semplice e rapido, nonché un sistema di regolazione della resistenza della timoneria che offre minore sforzo e affaticamento in virata. Le leve dell’invertitore a montaggio frontale, la possibilità di navigazione in acque poco profonde e il controllo del trim servoassistito  aumentano la versatilità e li rendono molto adatti ai piccoli battelli ZAR Mini.

Dunque una partnership che va dagli Stati Uniti alla Germania, ma anche dal Canada (la BRP è proprietaria di Evinrude) all’Italia: il risultato è un incontro di caratteristiche simili che dovrebbero portare gli armatori a godere al massimo dei vantaggi dati dal connubio. Sia che si tratti di piccoli battelli fatti per essere scaricati dall’auto o dal motorhome per esplorare le coste, sia che si tratti di tender a bordo di barche a vela e yacht per entrare nelle cale più inaccessibili, in entrambi i casi piccolo è bello.

Guardate invece cosa è stato capace di fare un modello ZAR Mini

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2018 BoatMag. All Rights Reserved.