Ranieri International Next 220 SH, 40 nodi con la sorellina terribile

Dopo il 370, 290 e 240, ecco il Ranieri International Next 220 SH che gode di tutti gli affinamenti della nuova gamma. L’abbiamo provata con un nuovo Mercury V6 da 200 cv.

Non c’è che dire, la scelta di Ranieri International di lanciare la nuova linea Sundeck partendo dall’ammiraglia ha premiato. Dal primo Next 370 SH si era poi scesi al Next 290 SH, quindi al Next 240 SH e ora è la volta del Ranieri International Next 220 SH a completare l’offerta con un sette metri che è un vero campione di abitabilità e sfrutta al meglio tutte le soluzioni elaborate per i modelli maggiori.

Ranieri International Next 220 SH, il test

La motorizzazione è affidata al nuovo Mercury V6 nella versione da 200 cv, la prima sensazione come usciamo dal porto per affrontare un mare abbastanza mosso è che sia la soluzione ottimale. Sfiorare i 40 nodi in queste condizioni è sicuramente un’eccellente prestazione, anche se in normali condizioni d’uso si dovrà pensare, magari a un mare più tranquillo, ma anche a una barca più carica. Del resto non è la velocità di punta quello che conta in crociera, ma piuttosto le economie di esercizio alle andature scelte con maggiore frequenza: attorno ai 20 nodi i consumi sono decisamente interessanti, tanto da farla individuare come la migliore velocità economica, ma anche sfiorando i 30 nodi si resta su livelli “umani”; al punto che i 16 l/h al minimo di planata a 11 nodi e 2800 giri, può diventare un’opzione da scartare.

I meriti di queste ottime prestazione, rilevate lo ricordiamo con mare mosso, vanno ascritti al Mercury V6, ma anche alla carena del Ranieri International Next 220 SH che conferma di aver ereditato su una misura inferiore tutto quanto di buono c’era da riprendere dalle sorelle maggiori. Nonostante qualche spruzzo di troppo in coperta, la navigazione permette infatti di prendersi tutte le libertà del caso, per arrivare alla conclusione che con questo Next si può affrontare ogni tipo di mare in tutta tranquillità. Con una certa sorpresa noto che, mentre con una navigazione più prudente attorno ai 3 mila giri (quindi sotto i 20 nodi) la barca denuncia una certa instabilità, guadagnando un migliaio di giri, quindi superando i 25 nodi, direzionalità e controllo migliorano decisamente. Siamo quindi allineati alle velocità che avevo individuato come le migliori per i consumi.

Ranieri International Next 220 SH, a bordo

In una recente intervista, Salvatore Ranieri ci ha confermato che la filosofia progettuale del cantiere poggia su alcuni punti fermi: motorizzazioni fuoribordo, carene con redan e costruzione con l’esclusivo sistema di congiunzione tra carena e scafo Active Suspension System. Tutte soluzioni che ritroviamo anche nel Ranieri International Next 220 SH e a queste si aggiungono la capacità di ottimizzare gli spazi che proprio su questo modello, più piccolo degli altri Next, si apprezza ancora di più.

La zona di prua, a cui si accede molto facilmente, è in pratica un grande solarium che va a coprire anche il gavone dell’ancora; il tutto può anche essere considerato una chaise longue grazie al grande cuscino che copre parte della tuga. A prua estrema la delfiniera è ideale per la salita ma anche per i tuffi. Protettivo il giusto il parabrezza senza appesantire il profilo generale, mentre la plancia è ben articolata e offre lo spazio per i monitor di strumentazioni un po’ più evolute degli orologi analogici qui montati.

Il pozzetto prevede le due sedute singole per driver e codriver che all’occorrenza ruotano per dare vita a un’accogliente dinette. Se invece si vuole un prendisole, ecco il sistema ideato da Ranieri International che permette di montarlo senza assi “volanti” per la barca, ma con tutta la struttura nascosta sotto il divanetto di poppa. Le due sedute sui lati sono ribaltabili nella murata, così anche i pescatori potranno disporre di un pozzetto ben sgombro. A dispetto delle sue misure, su questo Ranieri International Next 220 SH si è pensato alle esigenze di tutti gli utenti nautici.

Uno sguardo anche alla cabina che risulta ben più vivibile di quanto ci si potrebbe aspettare: tre posti letto, due a prua e uno trasversale sotto il pozzetto, wc a scomparsa e una buona dotazione di gavoni. Anche qui si apprezza la qualità delle finiture e dei materiali di buon livello e ben lavorati.

I numeri del Ranieri International Next 220 SH

  • Lunghezza ft ……………………………… m 7,35
  • Lunghezza scafo ………………………… m 6,30
  • Larghezza max …………………………… m 2,50
  • Dislocamento senza motori ……… kg 1.200
  • Motorizzazione max …………………… cv 250
  • Motorizzazione min …………………… cv 115
  • Riserva carburante …………………… l 250
  • Riserva acqua dolce ………………… l 40 (optional)
  • Posti letto ………………………………… 3
  • Categoria CE …………………………… C
  • Portata massima …………………… 7 persone

Prestazioni

  • 700 giri ………………… 2,0 nodi ……… 2,0 l/h ……… 54 db
  • 1000 giri ……………… 4,1 nodi ……… 3,2 l/h ……… 65 db
  • 1500 giri ……………… 5,8 nodi ……… 5,8 l/h ……… 67 db
  • 2000 giri ……………… 7,1 nodi ……… 9,9 l/h ……… 69 db
  • 2500 giri ……………… 8,2 nodi ……… 14 l/h ……… 72 db
  • 3000 giri ……………… 16 nodi ………… 21 l/h ……… 77 db
  • 3500 giri ……………… 21 nodi ………… 25 l/h ……… 80 db
  • 4000 giri ……………… 26 nodi ………… 35 l/h ……… 83 db
  • 4500 giri ……………… 29 nodi ………… 41 l/h ……… 85 db
  • 5000 giri ……………… 32 nodi ………… 60 l/h ……… 87 db
  • 5700 giri ……………… 39 nodi ………… 67 l/h ……… 87 db

Condizioni della prova

  • Mare mosso, carena pulita, carburante 180 l, acqua vuoto, equipaggio 2 persone

Prezzi

  • Solo scafo ………………………… da 27.700 euro (Iva esclusa)
  • Mercury V6 200 cv …………… da 18.870 euro (Iva compresa)

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2018 BoatMag. All Rights Reserved.