Tuccoli T280 HT Fisherman fuoribordo, a pesca a gran velocità con due Suzuki da 300 cv

Una motorizzazione inedita per il cantiere: due fuoribordo Suzuki DF300 AP. Così il Tuccoli T280 HT Fisherman fuoribordo guadagna in prestazioni e spazi.

Il Tuccoli T280 HT Fisherman fuoribordo è l’inedita versione scelta dal cantiere toscano per uno dei suoi modelli più rappresentativi per la pesca, tra l’altro affidata alle sapienti cure di Marco Volpi, pluricampione di pesca dalla barca.

Con l’abbinamento ai due Suzuki DF300AP al posto degli entrobordo, il cantiere inizia un processo evolutivo sempre più attento alle esigenze del mercato, fermo restando che il modello classico con i motori entrobordo continua a essere disponibile.


Guarda anche il nostro test del Tuccoli T280 Easy Rider entrobordo


Grazie a potenze sempre maggiori e a consumi abbastanza contenuti, i fuoribordo si stanno proponendo sempre di più come alternativa alle classiche soluzioni in linea d’asse. L’ho provato in Toscana, a Punta Ala, in una giornata di sole e mare calmo e ora vado a raccontarvi.

Seicento cavalli per oltre 44 nodi. E il punto d’incontro perfetto per l’accoppiata Suzuki DF300Ap e il Tuccoli T280 HT Fisherman fuoribordo è a 30 nodi

Per l’applicazione fuoribordo (la potenza massima installabile è una coppia di 350 cavalli), si è adottato un bracket che svolge un doppio compito: portare verso l’esterno i motori per allontanarli dalla linea di carena senza rivedere la parte poppiera dello scafo, ottenendo così benefici prestazionali e di comfort di navigazione in virtù di una maggior lunghezza.

Per questa ragione anche l’assetto è diverso rispetto al modello entrobordo: prua più parallela alla superficie con conseguente miglioramento della profondità di campo visivo per il pilota.

Sul fronte delle prestazioni i 600 cavalli dei due Suzuki DF300AP con eliche 14” x 21” si sentono! Lo scafo diventa divertente, veloce, manovriero anche se, per la verità, la timoneria montata si è dimostrata un po’ dura alle risposte, perlomeno con il trim a zero o con angolazione sui 10°/15°.

Il mare è calmo, la giornata è di pieno sole e a bordo siamo in sette persone rispetto alle otto massime di certificazione. Si entra in planata in 3 secondi netti e si mantiene tale assetto fino a 2.800 giri, a cui corrisponde una velocità di 13 nodi. A 3.500 giri si viaggia intorno ai 24 nodi e aggiungendo 1.000 giri si tocca la vetta di 33 nodi con consumi di 84 litri/h totali.

Il top lo abbiamo ottenuto a pieno regime di giri (6.000 rpm) con i trim al 50% a una velocità di 44,2 nodi ma consumando 194 litri/ora.

Ok, è un dato da citare, ma la domanda è: ha senso questa velocità con tali consumi? Sì, per gli smanettoni o per chi ama “gareggiare”, ma chi ne fa un uso crocieristico o da pesca sportiva, la velocità massima la cerca solo in determinati momenti e non la mantiene per tutta la rotta prescelta, quindi quello che secondo me è più importante da considerare è la prestazione in condizioni normali, magari con mare mosso, o durante i lunghi trasferimenti, in cui diventa importante navigare in modo confortevole, senza patemi d’animo, godendosi la traversata e anche consumando poco.

Su suggerimento di Marco Volpi, che usa lo scafo il più possibile, questa condizione l’abbiamo trovata intorno ai 24/30 nodi, con i motori che girano a 3.200/3.500 giri, per un consumo totale di 66 litri/ora. Veramente un ottimo risultato, merito anche delle soluzioni tecnologiche di Suzuki.


Scopri qui il Suzuki DF350A e le sue innovazioni tecniche


Tuccoli T280 HT Fisherman fuoribordo, tutto per la pesca, ma con un occhio di riguardo anche al comfort di crociera

La struttura è rimasta quasi interamente la stessa del modello entrobordo. La differenza sta principalmente nel bracket, che consente di fruire di un vano a bordo in più, ossia di quello normalmente utilizzato per i motori. Cambia un po’ anche la struttura, adeguata alla maggior potenza dei motori fuoribordo e pertanto rinforzata in alcuni punti.

Un tuna door accompagna a bordo dove un ampio pozzetto libero (2,53×1,47 m) permette la vivibilità ai pescasportivi. In quest’area c’è anche la vasca a baglio per il vivo o il pescato, un’altra vasca o ghiacciaia nell’area di confine con quella di pilotaggio insieme a un tagliere per le esche, quindi portacanne sui bordi delle murate, che misurano 20 cm di larghezza, rastrelliere sulle murate alte 60 centimetri e griglie a pagliolo per un rapido svuotamento delle acque reflue. Il grande vano centrale a pagliolo è la soluzione ideale per ricoverare i parabordi a riposo.

A prua l’ampia tuga si propone come area solarium per i passeggeri perché, ricordiamolo, lo scafo si presta a un uso polivalente e non solo per la pesca. E veniamo all’area di pilotaggio sormontata da un hardtop che ingloba in alto il box radio, un possibile primario o secondario apparato elettronico e, sulla sommità, oltre a quattro portacanne, può supportare antenne, luci ed eventuali divergenti, non ultimo un tuna tower opzionale.

L’area è chiudibile con tende in Pvc a finestre per isolare e proteggere l’equipaggio durante la navigazione invernale o di notte. Oltre alla seduta regolabile del pilota, a poltroncina, c’è un divanetto a baglio, alcuni vani sulle murate e una consolle a destra, con tre livelli differenti per accogliere strumenti motore e strumentazione elettronica a sufficienza.

Scendiamo sottocoperta attraverso tre gradini in ciliegio, così come dello stesso legno pregiato sono il mobilio di arredo. La dinette propone a destra un doppio divano contrapposto con tavolo centrale abbattibile per trasformare il tutto, da area dinner in un letto supplementare, mentre a destra c’è un angolo cottura con lavello, due fuochi, frigorifero e mensole.

Più avanti il locale toilette separato con lavello/doccia e a pruavia la cabina separata con letto matrimoniale, tasche portaoggetti e finestrature che si affacciano sull’acqua, oltre a mobiletti e vani di ricovero. Parlando con Marco Tuccoli è stata palesata l’idea di creare una versione di questo modello con due cabine separate.

I numeri del Tuccoli T280 HT Fisherman fb

Lunghezza ft …………………………… m 9,13
Larghezza ………………………………… m 3,04
Dislocamento senza motori ……… kg 5.400
Motorizzazione max ………………… fb o efb cv 2×350
Motorizzazione ………………………… Suzuki DF300AP cv 2×300
Portata persone ……………………… 8
Posti letto ……………………………… 4
Serbatoio carburante …………… l 600
Serbatoio acqua …………………… l 110
Omologazione CE ………………… B

Prestazioni

600 giri ………………… 3,0 nodi ………………… 4 l/h
1.000 giri ……………… 5,1 nodi ………………… 11 l/h
1.500 giri ……………… 8,0 nodi ………………… 15,8 l/h
2.000 giri ……………… 8,7 nodi ………………… 24 l/h
2.800 giri ……………… 13 nodi ………………… 52 l/h
3.500 giri ……………… 24 nodi ………………… 66 l/h
4.000 giri ……………… 29 nodi ………………… 78 l/h
4.500 giri ……………… 33 nodi ………………… 84 l/h
5.000 giri ……………… 37 nodi ………………… 98 l/h           
5.500 giri ……………… 41 nodi ………………… 130 l/h
6.000 giri ……………… 44 nodi ………………… 194 l/h

Condizioni della prova

Mare calmo, carena pulita, carburante l 150, acqua l 110, equipaggio 7 persone

Prezzo (Iva esclusa)

Solo scafo versione base ………………………………… 99.500 euro
Solo scafo versione HT Fisherman ………………… 114.000 euro

Notizie correlate

One Response

Lascia un commento
  1. Ettore Olivieri
    Giu 23, 2020 - 04:27 PM

    Bellissimo modello, mi incuriosiva già da prima della lettura di questo articolo

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2020 BoatMag. All Rights Reserved.