Cancelli Akes 25 Fisherman, tutto il bello dell’alluminio

L’armatore del Cancelli Akes 25 ha le idee chiare: una barca professionale, robusta nella costruzione ma veloce e soprattutto più economica dei modelli statunitensi. Così nasce l’Akes 25 Fisherman.

I pregi dell’alluminio nella nautica abbiamo già avuto modo di elencarli in passato nel nostro articolo. Per i più distratti ricordiamo una costruzione robusta e leggera che, almeno nell’offerta del cantiere Cancelli, unisce anche la cura e la personalizzazione artigianale di ogni modello. Con il Cancelli Akes 25 si può spiaggiare senza problemi, sopportare qualche botta di troppo senza rotture e con l’inaffondabilità garantita dall’iniezione di poliuretano che non va ad incidere sul peso totale che resta comunque molto contenuto. Per fare un paragone l’Akes 25 pesa poco più di una tonnellata, meno della metà di un pari misura “made in Usa”, così come più che dimezzato è il suo prezzo di listino. Tutte considerazioni che fanno guardare all’Akes 25 con grande interesse, anche in considerazione dei risparmi che si possono aggiungere adottando fuoribordo meno potenti, senza rinunciare alle prestazioni.

 Cancelli_Akes-25

Sono esattamente questi i ragionamenti che ha fatto l’armatore che ho a bordo con me durante la prova, pugliese residente in Germania che ha trovato nella provincia bergamasca, a due passi dal lago d’Iseo dove siamo per il test, il cantiere per la sua barca che gli allieterà le vacanze nella sua regione d’origine. Chiari i suoi obiettivi: una barca più economa, ma non meno professionale di quelle americane. Su queste indicazioni ha lavora il progettista, l’ingegnere sardo Alessandro Chessa, pure lui appassionato pescatore. Ne è nata una carena che ha saputo tenere conto delle esigenze di tenuta di mare a cui un fisherman non può prescindere, calate però nella realtà mediterranea che con l’oceano non ha molti punti in comune. Per l’allestimento della coperta del Cancelli Akes 25 si è invece dato spazio anche alle esigenze dell’armatore, a cui la cura e competenza professionale del cantiere Cancelli ha potuto dare risposte specifiche a ogni esigenza.

La coperta

Il pozzetto del motore potrebbe anche essere allestito con due plancette per la risalita dal bagno, qui invece la poppa del Cancelli Akes 25 è tutta dedicata alla pesca e quindi con un allestimento tutto pensato per l’attività sportiva, solo un corto divanetto. La vasca del vivo è a dritta e le sedi delle canne a poppa e sulle fiancate, dove trovano spazio anche dei gavoni per le esche e altre attrezzature, tra cui dei portabicchieri che forse era meglio realizzare utilizzando plexiglass o elementi preallestiti. Ben articolata la plancia centrale con un top di tela e tubi e un cruscotto dove trovano spazio in bell’ordine tutti i comandi, gli strumenti del motore e il monitor di gps e dell’ecoscandaglio con non poteva mancare. Il timone è in posizione orizzontale, mentre la seduta del driver è doppia. A poppavia del Cancelli Akes 25 è stato allestita un secondo divanetto, mentre la zona prodiera è interamente dedicata al solarium che con un cuscino supplementare si allunga fino alla struttura della consolle; protettivo il parabrezza. Grandi e pratici i gavoni sotto i cuscini e a prua c’è il verricello dell’ancora con un pratico accesso al gavone dell’ancora. La costruzione artigianale è molto curata, le saldature eseguita a regola d’arte, qualche finitura farà storcere il naso a chi è abituato alla vetroresina, ma è solo una questione estetica e pure di poco conto. Ben curata tutta la cuscineria.

Il test

Il lago d’Iseo in una grigia giornata non è certo il mare e quindi per verificare la reazione della carena sulle onde non possiamo far altro che passare e ripassare sulla nostra scia, per altro poco pronunciata, per verificare che la carena non creerà problemi neppure con mare formato. L’impatto con l’onda del Cancelli Akes 25 è sempre morbido e la barca trasmette sempre una buona sensazione di sicurezza anche quando andiamo a stringere sempre di più la virata o la sottoponiamo a repentini cambi di direzione che sono affrontati con buona sicurezza.

L’armatore ha voluto una monomotorizzazione fuoribordo scegliendo un affidabile e potente Yamaha F300: “è talmente affidabile che non voglio neppure un secondo motore per le emergenze” ha testualmente dichiarato. Di sicuro ho subito la sensazioni che i cavalli siano addirittura esuberanti e infatti lanciando il Cancelli Akes 25 a “tutta manetta” arrivo a 5500 giri e 39 nodi che salgono poi 42 nodi e 5800 giri con l’ausilio dei trim, il consumo sfiora i 100 l/h. Navigando a 3500 giri e circa 25 nodi si scende però a un più ragionevole dato di 30 l/h che diventano addirittura 11 l/h al limite della planata che viene tenuta a 8 nodi e 1900 giri.

Caratteristiche tecniche
Lunghezza ft ………………… m 7,50
Larghezza ………………..…… m 2,55
Dislocamento ………………… kg 1050
Motorizzazione max ………… cv 350
Serbatoi carburante ………… l 270
Serbatoi acqua ………………… l 100
Portata persone ………………… 8
Categoria CE …………………… B/C

Prestazioni
1000 giri ……… 5,0 nodi ……… 4,9 l/h
1500 giri ……… 6,9 nodi ……… 8,1 l/h
2000 giri ……… 9,1 nodi ……… 12,8 l/h
2500 giri ……… 13 nodi ……… 17,7 l/h
3000 giri ……… 19 nodi ……… 23,8 l/h
3500 giri ……… 24 nodi ……… 30,0 l/h
4000 giri ……… 28 nodi ……… 40,6 l/h
4500 giri ……… 31 nodi ……… 53,4 l/h
5000 giri ……… 35 nodi ……… 70,0 l/h
5500 giri ……… 39 nodi ……… 90,0 l/h
5800 giri ……… 42 nodi ……… 98,0 l/h

Condizioni del test
lago calmo, temperatura 8°C, carburante l 150, acqua l 60
Equipaggio 3 persone, carena pulita

Prezzi
Solo scafo …………………….. 65.000 euro, Iva esclusa
Yamaha F300 ……………. da 23.230 euro, Iva inclusa

visita il sito del cantiere Cancelli

Notizie correlate

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Copyrıght 2018 BoatMag. All Rights Reserved.